Home » CULTURA E SPETTACOLI » Cittadini a quattro zampe
LA CITTA' PROTEGGE GLI AMICI CON LA CODA

Cittadini a quattro zampe

di ilTorinese pubblicato giovedì 9 ottobre 2014

spookyNon tutti sanno che il Comune svolge una continua attività per la tutela e il benessere degli animali da affezione

 

I nostri cani, i nostri gatti, sono a tutti gli effetti cittadini a quattro zampe. Ecco allora che il Comune di Torino deve impegnarsi a sostegno della tutela e del benessere degli animali d’affezione. Non tutti sanno che, a tale proposito, la Città si è dotata di un regolamento, il n. 320, che ha proprio lo scopo di tutelare gli animali, favorendo e diffondendo i principi di corretta convivenza con la specie umana. Inoltre, il Comune dispone di una struttura ad hoc: il Servizio “Tutela Animali e Servizi per l’Ambiente”.

 

Compiti della municipalità torinese sono quelli di combattere il randagismo canino e di tutelare le colonie feline libere sul territorio cittadino.Per affrontare il primo problema,  la Città dispone di un canile Sanitario, verso il quale convergono i cani liberi catturati sul territorio cittadino e di un canile Rifugio, che ospita i cani senza proprietario in attesa di essere adottati.

 

Per quanto riguarda la seconda questione il Comune monitora costantemente lo stato delle colonie feline e ne affida la tutela diretta alle Associazioni Animaliste riconosciute che ne facciano domanda. A supporto della loro azione, interviene con programmi di sterilizzazione dei gatti per limitarne la proliferazione. Insomma, la civica amministrazione ha un occhio di riguardo anche per i nostri amici con la coda.

 

Per maggiori informazioni:

  • Servizio Tutela Animali e Servizi per l’Ambiente, Via Padova 29 Torino
    Tel. 011 4420179 – 011 4420194 Fax 011 4426641
    Riceve il Mercoledì dalle 14.00 alle 16.30
  • e-mail: ufficiotutelaanimali@comune.torino.it
  • Canile Rifugio Strada Cuorgnè 139, tel. 011 2243042 – 2243028
  • Canile Sanitario di Via Germagnano n° 11 – tel. 011.2625685 – 011.2624803

(www.comune.torino.it – Foto. il Torinese)