Home » Cosa succede in città » Cioccolatò e mercatini di Natale: è (di nuovo) tutto un grande caos
Non rammento più chi diceva che gli individui non si giudicano per ciò che dicono di essere ma per quello che fanno....ora ricordo: un certo Karl Marx

Cioccolatò e mercatini di Natale: è (di nuovo) tutto un grande caos

di ilTorinese pubblicato venerdì 3 novembre 2017
Storie di città / di Patrizio Tosetto
Sembra proprio che gli amministratori pentastellati ci mettano impegno a non azzeccarne una. Hanno superato persino il detto “anche un orologio rotto fa due volte al giorno l’ora giusta”. Ma chi sta pagando un salato e duro prezzo è la nostra città.  Dopo la notizia che non si farà Cioccolato ‘ c’è preoccupazione per la nuova edizione dei Mercatini di Natale. Chi ha vinto avrebbe sede a Bolzano dove non è conosciuto e non ha una dovuta esperienza. Sfortunata coincidenza? Cerchiamo di appurare i fatti. Su Cioccolato’ salta tutto anche perché l’ amministratore non è reperibile, dimostrando scarsa attendibilità. Dopo il ricorso cassato al Tar anche la seconda classificata si è tirata fuori. L’assessore Sacco serafico sostiene di non aver potuto prevedere  tutte queste difficoltà.  Risultato finale: per la seconda volta salterà l?iniziativa? Sui Mercatini di Natale forse è peggio: la società vincente non ha i requisiti.  Ma la Sindachessa sostiene  che è tutto regolare perché un terzo ha dato le debite garanzie. Però molti non si accontentano delle spiegazioni date e verificano la natura della società garante,  collegata a Buongiorno Italia. E’ proprio la stessa che ha ” toppato” sulla precedente edizione dei Mercatini e che dovrebbe pagare ingenti danni alla città. Almeno così avevano dichiarato gli assessori competenti pentastellati. In altre parole chi è uscito dalla porta centrale starebbe tentando di rientrare dalla finestra. Di bene in meglio! Sfortuna? A questo punto non penso proprio. Qualcuno non ha fatto le verifiche?  Ingenuità? Forse,  ma quando si amministra dicendo che si vuole cambiare il modo di governare, diventa una colpa.  Si potrebbe configurare una omissione di controllo? Chissà. Non rammento più chi diceva che gli individui non si giudicano per ciò che dicono di essere ma per quello che fanno….ora ricordo:  un  certo Karl Marx.  Noi non ci permettiamo di giudicare moralmente. Ma il nostro modestissimo parere è che Torino non ci fa una bella figura. Cose  -se fatte – fatte malissimo. E la situazione traspare dal volto di una Appendino sempre più nervosa, sempre più sotto pressione .
(foto: il Torinese)