Home » prima pagina » Chiamparino: “La Giunta non si tocca, al Piemonte serve stabilità”
IL GOVERNATORE DIFENDE GLI ASSESSORI CERUTTI E RESCHIGNA INGUAIATI DA RIMBORSOPOLI

Chiamparino: “La Giunta non si tocca, al Piemonte serve stabilità”

di ilTorinese pubblicato martedì 28 ottobre 2014

chiamp consigliopichettoconsiglio aulaBagarre in aula per il rinvio del taglio delle indennità dei consiglieri. Pichetto (FI): “Resta l’incongruenza della posizione di Chiamparino che per sei mesi ha fatto campagna elettorale sulle vicende giudiziarie e oggi dichiara l’esatto opposto. Non è possibile avere due verità e recitare due parti nella commedia. Dove sono finiti gli striscioni srotolati in questo Consiglio Regionale dove il Pd sbeffeggiava i consiglieri che negli scorsi mesi erano finiti nel ciclone giudiziario e mediatico?”

 

“Qui ci prendono per il culo”. Parole grosse, ieri, in aula a Palazzo Lascaris in una giornata infuocata per il dibattito sugli assessori regionali per i quali è stato chiesto il rinvio a giudizio. Ma la frase “hard” pronunciata dal grillino Davide Bono era riferita al rinvio del taglio del 10% delle indennità dei consiglieri regionali. Il presidente dell’Assemblea Mauro Laus, che ha assicurato: “la riduzione degli emolumenti sarà votata la prossima settimana”, è stato costretto ad espellere dall’aula il rappresentante di M5S.

 

Incalzato dalle opposizioni il governatore Sergio Chiamparino ha uno scatto di orgoglio e difende a spada tratta i suoi assessori rimasti impigliati nella rete giudiziaria di Rimborsopoli: “Sarei stato un’opportunista politico se, per salvare la mia faccia, avessi deciso di sacrificare quella dei miei collaboratori”.  Così il presidente, ieri mattina, in Consiglio regionale. Come è noto la procura torinese ha chiesto l’imputazione coatta per il vicepresidente Aldo Reschigna (Pd) e per l’assessore Monica Cerutti (Sel) che pensavano di essere archiviati. “Sono convinto della loro correttezza e il Piemonte  in questo momento  ha bisogno di stabilità”.

 

“Il Presidente della Regione è ancora convinto, così come sei mesi fa, di poter rappresentare la legalità in Piemonte?”. A chiederlo Gilberto Pichetto (nella seconda foto), capogruppo di Forza Italia a palazzo Lascaris, commentando le comunicazioni del governatore.

 

“Sia ben chiaro, la mia posizione è sempre la stessa, estremamente garantista – aggiunge l’esponente azzurro –. Sono convinto, personalmente, che tutti i soggetti coinvolti potranno provare la propria innocenza. Resta però l’incongruenza della posizione di Chiamparino che per sei mesi ha fatto campagna elettorale su questo tema e oggi dichiara l’esatto opposto. Non è possibile avere due verità e recitare due parti nella commedia. Dove sono finiti gli striscioni srotolati in questo Consiglio Regionale dove il Pd sbeffeggiava i consiglieri che negli scorsi mesi erano finiti nel ciclone giudiziario e mediatico?”. 

 

“Ma vorrei allargare il discorso anche alle firme false – conclude Pichetto – che coinvolgono il centrosinistra. Se venisse provato che sono avvenute delle irregolarità, l’atteggiamento del centrosinistra saranno le dimissioni così come venivano richieste al centrodestra nella passata legislatura? O verrà cambiata nuovamente la propria opinione perché al tavolo degli imputati non ci sono più gli avversari politici? Il tempo è sempre galantuomo, sono soddisfatto che oggi il centrosinistra abbia cambiato idea e abbia assunto le nostre posizioni che fino a ieri criticava”.

 

Critici anche i grillini di M5S che hanno strigliato Chiamparino sul tema dei costi della politica. “Non vogliamo fare processi in Aula ma chiediamo coerenza – ha aggiunto il presidente di M5S Giorgio Bertola. È un problema anche nostro perché un vicepresidente della Regione ci rappresenta non solo di fronte ai cittadini ma anche in sede governativa. Sia per chiedere risorse allo Stato centrale sia per chiedere sacrifici ai cittadini ci vuole credibilità. Anche sulla questione delle presunte firme false si ritorna sulle stesse cose della passata legislatura, non si è voltata pagina”.

 

“Chiamparino parla di trasparenza e regole, occorre però chiedere che la magistratura faccia il proprio dovere”, ha commentato Gianna Gancia, presidente Lega Nord. “Ci siamo mossi in un quadro dove la politica conta sempre meno. Abbiamo sofferto molto per mancanza di equità e di leggi chiare però dobbiamo far sì che non sia la magistratura a dettare i tempi”.

 

“Ci riconosciamo nelle parole di Chiamparino, fin dall’inizio la nostra posizione è stata chiara e siamo stati attenti a non creare situazioni di imbarazzo per i piemontesi”, ha replicato il capogruppo del Pd, Davide Gariglio. “Accettiamo e attendiamo il giudizio della magistratura e se qualcuno sarà condannato saremo noi stessi a farci da parte per non contaminare i destini dell’ente che rappresentiamo. Non si può però imputare il difetto di garantismo al Pd della passata legislatura. Abbiamo fatto opposizione dura, ma con rispetto per le persone. Quanto alla questione delle firme per la presentazione delle liste elettorali, le abbiamo raccolte pur non avendone necessità. Siamo i primi a voler accertare i fatti e collaboreremo per fare chiarezza”. 

 

“Il giudice sia libero di adottare i provvedimenti che ritiene, ma la nostra Regione deve pensare ad affrontare la crisi e a fare il possibile per i piemontesi, dal momento che a tutti toccherà tirare la cinghia. Ritengo che la squadra della Giunta sia ottima e che debba continuare a lavorare”, ha commentato Alfredo Monaco presidente del gruppo Scelta civica per Chiamparino.