Home » prima pagina » Chiamparino: “Se siamo in guerra non possiamo più porgere l’altra guancia”
DURA DICHIARAZIONE DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE ALLA MANIFESTAZIONE IN PIAZZA CASTELLO DOPO L'ATTENTATO A PARIGI. POLEMICHE PER L'INTENZIONE DI RIDURRE I MILITARI DELL'OPERAZIONE STRADE SICURE

Chiamparino: “Se siamo in guerra non possiamo più porgere l’altra guancia”

di ilTorinese pubblicato venerdì 9 gennaio 2015

CHHARLIE TORINO3

CHARLIE TORINOLo slogan ‘Je suis Charlie’ ha campeggiato  sui cartelli durante la manifestazione di ieri sera alla quale sono intervenute, senza parlare ma solo con una silenziosa presenza, le autorità cittadine

 

Migliaia di fiaccole e candele anche in piazza Castello a Torino per manifestare in difesa della libertà di stampa e dei valori della democrazia dopo l’azione di guerra al settimanale satirico parigino Charlie Hebdo. Lo slogan ‘Je suis Charlie’ ha campeggiato  durante la manifestazione di ieri sera alla quale sono intervenuti, senza parlare ma solo con una silenziosa presenza,  il sindaco di Torino Piero Fassino accompagnato dal gonfalone del Comune, il presidente della Regione, Sergio Chiamparino, i segretari del Pd piemontese Davide Gariglio e di quello provinciale Fabrizio Morri, Giampiero Leo per Ncd, tanti consiglieri comunali e regionali,  sindacalisti e soprattutto moltissimi comuni cittadini. Davanti a Palazzo Madama anche il direttore della Stampa, Mario Calabresi, il presidente dell’Ordine dei giornalisti del Piemonte, Alberto Sinigaglia e il segretario dell’Associazione Stampa Subalpina Stefano Tallia.

 

Dichiarazioni piuttosto forti quelle di Chiamparino, riportate dall’Ansa: “Se siamo davvero in guerra dobbiamo capire dove abbiamo sbagliato. Non si può più porgere l’altra guancia. E’ un modo per testimoniare la nostra solidarietà al popolo francese e per rimarcare l’attaccamento a uno dei valori fondamentali della civiltà, la libertà di stampa e di espressione. Siamo vicini alle vittime, alla Francia tutta, a un popolo cugino”.

 

Intanto è polemica anche a Torino per la decisione del Governo di ridurre, nelle 38 città italiane incluse nel progetto “Strade sicure” avviato nel 2008 dal Governo Berlusconi, successivamente i militari in pattugliamento, al fianco degli agenti di polizia e dei carabinieri, lo scorso 31 dicembre. A livello nazionale la riduzione è di1.250 militari. A Torino pattugliavano, in particolare, la zona di Porta Palazzo.

 

(Foto: Essepiesse – il Torinese)