Home » TRIBUNA » Chiamparino non se ne va: noi lo avevamo detto
SALVATE IL SOLDATO CHIAMPA

Chiamparino non se ne va: noi lo avevamo detto

di ilTorinese pubblicato venerdì 10 luglio 2015

Non siamo veggenti, ma già il 30 giugno avevamo previsto come sarebbe andata a finire la vicenda delle (presunte) firme false e delle tanto sbandierate (presunte) dimissioni del presidente Chiamparino. Vi riproponiamo il nostro articolo. Leggere per credere

 

chiampa renziAUGUSTA TAURINORUM

 di Augusta Montaruli

 

Il presidente promette dimissioni perché non si troverà mai nelle condizioni di darle nonostante lo scivolone sulle firme che costò – pari pari se non peggio- la caduta della Giunta Cota

 

Confessioni pericolose e lotte intestine: il pasticcio delle presunte firme false sembra essere diventato il pretesto per un riallineamento delle correnti in seno al PD. Tra l’ammissione sulla modifica last minute del listino per le scorse regionali e il pressing a non mollare lo scranno nei confronti del Governatore a vincere ancora una volta sarà Sergio Chiamparino. Corteggiato ed osannato da suoi, ora veste i panni del’uomo senza ombra e senza peccato che rifugge ai sospetti e alle responsabilità dei burocrati di partito. In effetti dobbiamo ancora vedere  una pronuncia negativa della magistratura cadere sulle teste sinistre più ben abituate alle archiviazioni preelettorali. Tant’è, ultimamente non si sono viste giunte di centro-sinistra cadere sotto il giogo delle sentenze. La patente  della purezza è solo rossa anche quando chi la possiede combina gli stessi se non più gravi fattacci degli altri. Così avviene da sempre ed è per questo che il Governatore ostenta sicurezza. Promette dimissioni perché non si troverà mai nelle condizioni di darle nonostante lo scivolone sulle firme che costò – pari pari se non peggio- la caduta della Giunta Cota . Chiamparino di firma ferisce ma non perisce. 

 

Il Torinese, 30 giugno 2015

 

(Foto: il Torinese)