Home » prima pagina » Il Chiampa punzecchia Carbonato: “Anche gli industriali hanno le loro responsabilità”
IL GOVERNATORE DEL PIEMONTE LANCIA UNA FRECCIATA A CONFINDUSTRIA

Il Chiampa punzecchia Carbonato: “Anche gli industriali hanno le loro responsabilità”

di ilTorinese pubblicato mercoledì 28 ottobre 2015

Il presidente degli industriali subalpini aveva recentemente espresso un giudizio positivo su Chiamparino, sottolineando però l’inerzia che caratterizza la Regione

 

chiampa scrivaniaDopo la provocazione delle dimissioni dalla presidenza della Conferenza delle Regioni – chiaro segnale a Matteo Renzi – il governatore del Piemonte lancia una stoccata a Confindustria.  Gianfranco Carbonato, presidente degli industriali subalpini, aveva recentemente espresso un giudizio positivo su Sergio Chiamparino, sottolineando però l’inerzia che, a suo parere,  caratterizza la Regione.

 

Ecco, a stretto giro di posta la risposta del presidente piemontese:”Ringrazio il presidente Carbonato per averci ricordato l’agenda che avevamo già approfondito insieme non più di tre settimane fa in un incontro in cui alcune criticità, a cominciare dai limiti in termini di attrattività di investimenti da parte di CEIP sui quali forse anche il mondo industriale non è stato del tutto esente da responsabilità, erano già emerse. Avevamo anche parlato di sanità, e mi risulta che la stragrande maggioranza dei privati avesse siglato gli accordi con l’assessorato sui nuovi budget.

 

“Prosegue Chiamparino: ” Per quanto riguarda la questione dei ritardi sui fondi europei, che in alcuni casi ci sono e che cercheremo di fare il possibile per recuperare, essi sono, come era già emerso, dovuti all’esigenza di concentrare risorse finanziarie e personale sulla chiusura dei bandi POR, FESR e FEASR 2007-2013 al fine di non perdere gli oltre 100 milioni di euro che sono in tutta evidenza importanti per il sistema Piemonte. Per la questione del mercato del lavoro vale invece la pena di ricordare che le incertezze cui allude Carbonato sono legate alla troppo recente definizione delle leggi nazionali, in attesa delle quali la nostra Regione aveva comunque già predisposto tutti i tavoli dedicati allo sviluppo dei vari progetti. Sono sicuro che non mancheranno le occasioni per ulteriori momenti di confronto.”