Home » Brevi di cronaca » Centomila penne nere hanno invaso Asti per la grande festa nazionale degli Alpini
"Custodi della memoria e orizzonte della gioventù": così era scritto sullo striscione che apriva il corteo

Centomila penne nere hanno invaso Asti per la grande festa nazionale degli Alpini

di ilTorinese pubblicato domenica 15 maggio 2016

alpini asti 3Centomila gli alpini che hanno sfilato ad Asti in occasione della 89/esima Adunata nazionale. “Gli Alpini danno un servizio alla patria e sono ricchezza per la nostra società, lievito buono per il nostro Paese”, dice il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, che aggiunge: ” questa Adunata è un’esperienza bellissima e al tempo stesso molto forte, perché tiene unite le persone. Non per sfilare, ma per fare del bene al Paese. Il saluto del Papa è stato emozionante-e ha dimostrato come gli alpini riescano ad arrivare dappertutto e molto in alto”. Tra le penne nere  anche l”artiglierie’ Sergio Chiamparino, presidente della Regione Piemonte.

alpini asti 2

C’erano anche la delegazione del Sud Africa, 60 alpini, le penne nere di America latina, Australia, Canada, Brasile e la sezione Gran Bretagna, la più antica all’estero, fondata nel 1928,  anticipata da un suonatore di cornamusa. Infine la Germania, con lo striscione “l’Italia l’abbiamo nel cuore. “Custodi della memoria e orizzonte della gioventù”: così era scritto sullo striscione che apriva il corteo, dopo,  la fanfara militare, i reparti alpini di formazione, Ufficiali e Sottufficiali  e i gonfaloni della Regione e delle istituzioni locali. Presenti in forze anche i ‘veci’, le penne nere più anziane come  Domenico Bo, 100 anni, di Mombaruzzo (At), ex professore universitario.

ALPINI ASTI

(Foto: Associazione Nazionale Alpini)

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE