Home » ECONOMIA E SOCIALE » Cementificazione e abusivismo a Ischia come altrove
Se guardassimo all'infame cementificazione della Liguria ci accorgeremmo che forse ci sono gli stessi problemi

Cementificazione e abusivismo a Ischia come altrove

di ilTorinese pubblicato mercoledì 23 agosto 2017

IL COMMENTO  di Pier Franco Quaglieni

.

Ischia e’ formata da 6 comuni, ovviamente con 6 sindaci e con sei amministrazioni. Un vero e proprio assurdo. L’altra notte non c’è stato coordinamento, ma solo buona volontà tra i singoli, rileva Patrizia Asproni che era in vacanza sull’isola. Uno dei  Comuni non da ‘ informazioni comprensibili per chi non abiti sull’isola, nota per il turismo.Incredibile che pensi solo agli abitanti. I media – osserva Asproni-  amplificano il terrore e l’ansia e creano il panico anche dove non ha motivo di esserci. Le informazioni sono per lo più illazioni e “sentito dire” , come al solito. La parte colpita e’ soprattutto Casamicciola per le case obsolete,accatastate,costruite con il fai da te. Abusivismo edilizio in attesa eterna di condono, materia su cui i politici, da Bassolino a De Luca , hanno incominciato a litigare. De Luca appare migliore di quello che il suo massacro mediatico ci ha consentito di cogliere : non è solo il personaggetto creato da Crozza. Tuttavia nell’isola la situazione è rientrata e c’è soprattutto sciacallaggio mediatico. E’ grave  che ci sia perché i giornali dovrebbero avere più senso di responsabilità specie nei momenti difficili. Il terremoto a Casamicciola non è nuovo. Nel 1883 travolse l’intera famiglia di Benedetto Croce in vacanza sull’isola .Il filosofo lo descrisse in una sua celebre pagina travisata  di recente da un autore che vuole vedere  solo camorra dappertutto. Croce senti’ il rimorso di essersi salvato. Fu una grande tragedia della sua vita.  Adesso noi sentiamo i politici litigarsi sull’abusivismo edilizio per combattere il quale Bassolino non ha fatto nulla di concreto in dieci anni per superarlo, anche se e ‘ vero che  e’ stato forse condizionato  dai sei comuni dell’isola  e dagli interessi contrastanti. Una perla come Ischia meta di tanto turismo internazionale,nota per le sue terme, merita amministratori migliori,ma i giornali devono darsi una regolata e non possono pensare di produrre panna montata giornalistica  anche su una tragedia meno grave  di quanto si potesse pensare,ma pur sempre drammatica L’abusivismo e’ fenomeno grave del Mezzogiorno,ma costruire in zone sismiche e’ folle soprattutto per chi lo fa, magari con lo scopo di abitarci. La scarsa qualità dei materiali usati e’ cosa comune anche ad altre realtà italiane. Se guardassimo all’infame cementificazione della Liguria ci accorgeremmo che forse ci sono gli stessi problemi. L’avidità degli impresari ha rovinato paesi e città della Liguria, complici i sindaci e gli amministratori.La scarsa qualità dei materiali tocca anche il nostro Piemonte,anche se nessuno ne parla e ne scrive. Riflettiamo su Ischia senza scandalizzarci,ma traendo insegnamento da ciò che è accaduto.

 

quaglieni@gmail.com