Home » prima pagina » La prima volta di Fca a Londra: Marchionne scorpora Ferrari
OTTIMA PERFORMANCE IN BORSA. IL CAVALLINO RAMPANTE VERRA' SEPARATO DA CHRYSLER

La prima volta di Fca a Londra: Marchionne scorpora Ferrari

di ilTorinese pubblicato giovedì 30 ottobre 2014

fiat fcasergio_marchionneSi è trattato  del primo appuntamento importante dopo la fusione ufficializzata il 12 ottobre e dopo la quotazione a Wall Street. Fca ha confermato i target 2014 con ricavi a 93 miliardi

 

L’addio al Lingotto è reale da ieri quando, nella nuova sede londinese di Fiat Chrysler Automobiles, in St. James Street 25, nel West End, nello stesso grattacielo del settimanale The Economist, di cui la società Exor di Fca possiede il 4,72%, si è tenuto il  primo consiglio di amministrazione della nuova azienda guidata da Sergio Marchionne.

 

Si è trattato  del primo appuntamento importante dopo la fusione ufficializzata il 12 ottobre e dopo la quotazione a Wall Street. Fca ha confermato i target 2014 con ricavi a 93 miliardi, ebit  sui 4 miliardi, utile netto di 600-800 milioni, indebitamento netto industriale tra 9,8 e 10,3 miliardi di euro. Ha dichiarato Marchionne: “Siamo in linea per conseguire gli obiettivi per l’intero 2014. Con la creazione di Fca e il suo debutto al listino di New York abbiamo intrapreso una nuova fase come azienda globale con possibilità sempre maggiori”.

 

Il cda del gruppo automobilistico Fca informa attraverso un comunicato stampa che «nell’ambito di un piano per la realizzazione di una struttura di capitale appropriata a sostenere lo sviluppo di lungo termine del Gruppo, ha autorizzato la separazione di Ferrari da Fca». Un’ operazione che «verrà attuata attraverso l’offerta pubblica di una parte della partecipazione di Fca in Ferrari pari al 10% del capitale di Ferrari e la distribuzione della rimanente partecipazione di Fca in Ferrari agli azionisti di Fca». Le azioni necessarie a completare queste operazioni verranno attuate nel 2015. Fca vuole che le azioni di Ferrari siano quotate negli Stati Uniti a New York e in un altro mercato europeo. Il titolo alla Borsa di Milano, dopo aver toccato la soglia dei 9 euro, raggiunta da Fiat il 22 aprile prima della presentazione del piano, ha chiuso in rialzo del 12,79% a 8,6 euro. Sono passate di mano più di  82 milioni di azioni, rispetto a una media giornaliera dell’ultimo mese di 12 milioni.

 

 

 

(Foto: il Torinese)