Home » ECONOMIA E SOCIALE » Catalogna: in piazza anche noi, ma per il Tricolore
un ritorno indietro alle piccole patrie anche come reazione alla globalizzazione mondiale e all’unificazione europea che non soddisfa

Catalogna: in piazza anche noi, ma per il Tricolore

di ilTorinese pubblicato martedì 3 ottobre 2017

IL COMMENTO  di Pier Franco Quaglieni

Quanto sta avvenendo in Spagna rivela la profonda crisi della politica in generale e di quella spagnola in particolare che ha perso una delle due sue funzioni  essenziali ,quella di mediare tra interessi contrastanti. L’altra funzione, quella di decidere, appare appannata da tempo


La pretesa della Catalogna di fare un referendum incostituzionale volto a dichiarare una repubblica indipendente e’ un atto rivoluzionario che nulla ha a che fare con la democrazia.  La fermezza – sicuramente eccessiva – della Guardia civile spagnola – era quindi un atto dovuto. Certo, il numero dei feriti e’ impressionante, ma esso ci fa capire che la protesta catalana e’ stata anche violenta. Nulla a che fare con la rivoluzione di velluto cecoslovacca .  L’aver preteso di votare ad ogni costo e’ un atto eversivo, anche se il voto e’ ,in linea di principio, sempre democratico di per se’.
La Catalogna rivela i limiti di una certa concezione democratica che non riesce più ad esprimere i valori condivisi del secolo scorso e determina una frattura tra eletti ed  elettori. La violenza, in ogni caso , andrebbe condannata, ma sarebbe sbagliato dividere in pacifici e buoni i Catalani e in violenti e cattivi gli Spagnoli. Oggi c’è il pericolo di un contagio a livello spagnolo ed europeo, con l’inizio di un processo di balcanizzazione che significherebbe un ritorno indietro alle piccole patrie anche come reazione alla globalizzazione mondiale e all’unificazione europea che non soddisfa ed  appare espressione dei ceti finanziari.

 

***

La Nazioni sono un elemento da difendere e non si tratta di gretto nazionalismo. L’uscita dell’Inghilterra deve far pensare, come deve far pensare il fatto che  la Scozia e l’Irlanda vorrebbero staccarsi dal Regno Unito ,ma non dall’Europa. La figura assente in Spagna e’ quella del Re che pure è il simbolo dell’unità nazionale .Un’assenza incredibile e che non significa neppure porsi super partes. La Monarchia avrebbe un ruolo fondamentale da giocare ,se non lo gioca, giustifica la Repubblica. Un pavido silenzio la rende inutile. Viviamo in un momento di profondissima crisi delle istituzioni e dei partiti. I referendum leghisti italiani al confronto  sono cose da operetta, da mera propaganda .I tempi della secessione  di Bossi ,per nostra fortuna, sono lontani. Si pone però il problema delle Regioni, dei loro  costi, della loro inefficienza. Forse aveva ragione Malagoli nel non volerle. Certo, le regioni a statuto speciale esistenti sono storicamente superate e hanno dei costi proibitivi. E le Province sono invece realtà irrinunciabili in Italia.

***

Io mi sono commosso alla vigilia del referendum catalano quando gli spagnoli sono scesi in piazza ,sventolando la bandiera nazionale contro un referendum disgregatore. In Italia le bandiere si sventolano solo alle partite, manca il senso nazionale e lo spirito civico. La Spagna ha alle spalle secoli di unità ,malgrado le guerre civili, noi abbiamo 150anni con due guerre mondiali e una guerra civile i cui fantasmi si agitano ancora oggi. E abbiamo una Chiesa che scomunicò il Risorgimento ed oggi vuole interferire nella politica italiana in modo intollerabile, non solo per i migranti. Sarebbe bello che anche noi scendessimo in piazza con il tricolore a rivendicare lo spirito nazionale, invece abbiamo gli antagonisti che fanno casino in ogni occasione sia loro possibile farlo.  Il Tricolore anche per dire che un rapporto solidale tra Nord e Sud e’ indispensabile, lo volle il Risorgimento, lo impone la coscienza morale di un popolo che deve vincere gli ottusi egoismi localistici.  Inviterei Lombardi e Veneti ad andare non ai seggi ,ma a raccogliere funghi e castagne domenica 22 ottobre.  Sarebbe più utile per tutti e ed eviterebbe ulteriori, inutili polemiche in un paese dilaniato come il nostro che ha bisogno di unità e di non dispute distruttive.

quaglieni@gmail.com