Home » ECONOMIA E SOCIALE » Caso Gtt, se la Giunta non ha colpe deve comunque trovare soluzioni
E serve un piano industriale credibile che destini una parte delle risorse anche al miglioramento dei servizi

Caso Gtt, se la Giunta non ha colpe deve comunque trovare soluzioni

di ilTorinese pubblicato venerdì 29 dicembre 2017
STORIE DI CITTA’    di Patrizio Tosetto
Mi sa che l’unica strada percorribile per tentare di salvare capra e cavoli nella brutta storia di Gtt è la veloce nomina di un commissario con poteri speciali. Commissario con una missione quasi impossibile. Ma é dovere quasi morale: dovrà salvaguardare i posti di lavoro, fare tornare i conti. Soprattutto rendere credibile l’azienda. E serve un piano industriale credibile che destini una parte delle risorse anche al miglioramento dei servizi oggi di fatto al collasso. E alla fine è opportuno attrarre capitali privati. La credibilità aziendale è fondamentale. Questa giunta lasci perdere, cedendo il passo a chi è capace, magari perché ha già affrontato questioni simili. Con un “dettaglio” finale che, pensandoci bene , non è secondario. La città di Torino dovrà saldare i suoi debiti, pena la possibile richiesta di fallimento dell’azienda con i successivi danni patrimoniali da chiedere agli amministratori, responsabili perché maggioranza. Possibilità non tenuta in debito conto dai pentastellati che hanno votato un bilancio contro il parere dei sindaci. Io non l’avrei fatto. Tanta confusione, troppa confusione in chi amministra questa nostra Torino.
 
Confusione in chi dovrebbe, se non risolvere, aiutare a risolvere i problemi della città. Tanti, tantissimi. Prima si poteva e forse si doveva dissentire su scelte non condivise. Ora non ci sono più le scelte da condividere o criticare, per il semplice fatto che non ci sono scelte. Il dramma Gtt é sotto gli occhi di tutti. I penstallati contro l’entrata dei privati in azienda, il Comune che non ha soldi. Sì, proprio gli stessi grillini che sono contro la vendita di azioni. E dicono candidamente che i soldi ce li mettano lo Stato e la Regione. Senza ovviamente aver approvato un adeguato piano industriale. Purtroppo il niente impastato con il nulla. Ricapitalizzare senza mettere dei soldi é semplicemente l’impossibile. E comunque chiedere di mettere dei soldi senza un appropriato piano industriale è velleitario e demagogico. Un’ azienda privata che non va bene ha di fronte queste possibili soluzioni:  chiude ma deve pagare i debiti. Chiede il concordato preventivo in continuità. Ricapitalizza e/o ricapitalizza con l’entrata di nuovi soci. Tragicamente elementare. Orbene, questo non si capisce da parte pentastellata:  quale strada si vuole e si dovrebbe imboccare. Ora il cda deve giudicare ed eventualmente approvare il piano industriale. Secondo Appendino e l’ assessore competente dipende  solo da questa approvazione.

Con questo atteggiamento di fondo: non essendone la causa anche le soluzioni non dipendono da noi amministratori pentastellati.E condividiamo le forti preoccupazioni dei sindacati. Preoccupazioni principalmente occupazionali, timore confermato dall’incontro con l’Appendino. Senza che ad esempio venisse presentata almeno una bozza do questo famoso piano industriale. Vorremmo essere ottimisti, forse abbiamo il dovere di esserlo. Ma non ci riusciamo.Non ci convince la credibilità di chi dovrebbe guidare il progetto di risanamento. Non solo il cda e l’attuale amministratore delegato.  Ma soprattutto il socio di riferimento, il Comune di Torino. Troppo tempo é stato perso e in questi casi la velocità delle scelte é fondamentale, oltre alle necessarie risorse economiche. Il commissariorio rimane l’unica scelta operativa possibile. Chi paga sono lavoratori e cittadini-utenti.
Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE