Home » TRIBUNA » CASE ATC AD ESULI ISTRIANI, GIULIANI, DALMATI. (FDI-AN): “ATTENDONO LORO DIRITTO DA 23 ANNI”
RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

CASE ATC AD ESULI ISTRIANI, GIULIANI, DALMATI. (FDI-AN): “ATTENDONO LORO DIRITTO DA 23 ANNI”

di ilTorinese pubblicato mercoledì 1 febbraio 2017

APPROVATA NOSTRA MOZIONE IN REGIONE PER TERMINARE VENDITA ENTRO L’ANNO ED ESTENDERE AGLI EREDI

 MARRONE DALMATI

<<Quest’anno, grazie all’approvazione della nostra mozione la Regione Piemonte si presenterà a testa alta al 10 febbraio, Giorno del Ricordo delle foibe e dell’esilio giuliano dalmata, dopo 23 anni di vergognosa disapplicazione della legge che riconosce agli esuli italiani da Istria, Fiume e Dalmazia il diritto alla proprietà delle case popolari assegnate al loro arrivo in Italia>> annunciano Maurizio Marrone, Capogruppo FDI-AN in Regione Piemonte, e Augusta Montaruli, Esecutivo Nazionale FDI-AN, che spiegano: <<Quasi 200 famiglie giuliano-dalmate con la domanda già accolta ancora attendono il perfezionamento della vendita, impantanato nella burocrazia di Atc, a dispetto di sole 20 vendite già completate, limitate al c.d. Quartiere 30. Gli eredi degli esuli già venuti a mancare – parecchi siccome l’esodo risale a settanta anni fa – nemmeno sono stati contattati da Atc, rimanendo pertanto esclusi dalla procedura. Abbiamo ottenuto che la Regione si impegni a completare immediatamente la vendita per le domande già accolte e verificate sul prezzo, che si riaprano i termini di partecipazione per gli eredi non consapevoli dei loro diritti, che si garantisca una verifica bimestrale della procedura con la partecipazione della associazione giuliano-dalmata. Dopo la ricollocazione a nostre spese della lapide vandalizzata nel giardino intitolato ai martiri delle foibe, ecco una vittoria importante e soprattutto concreta che ci distingue dalla semplice retorica memorialistica, per ribadire sempre e non solo un giorno all’anno la vicinanza ai nostri connazionali del Confine Orientale, scampati al genocidio anti italiano perpetrato dai partigiani comunisti del Maresciallo Tito>>.