Home » LIFESTYLE » La Carmen del Regio protagonista al “Torino Classical”
Torino Classical Music Festival 2015

La Carmen del Regio protagonista al “Torino Classical”

di ilTorinese pubblicato mercoledì 17 giugno 2015

Dal 23 al 28 giugno in piazza San Carlo un tributo sotto le stelle ai compositori più celebri di diversi Paesi Europei e non

 

regioCon la Carmen di Bizet il Teatro Regio inaugurera’ il Torino Classical Music Festival, promosso dalla Città di Torino dal 23 al 28 giugno prossimi.  Dopo il successo delle passate edizioni, con il Festival Beethoven e il Festival Mozart, la piazza salotto torinese si trasformerà nuovamente in un palcoscenico sotto le stelle,  proponendo una successione di sei serate di opere, concerti, sinfonie, ciascuna dedicata a un Paese diverso. A inaugurare la rassegna sarà martedì 23 giugno, alle 22.15, il teatro Regio con la Carmen di Georges Bizet in forma semiscenica, nell’adattamento e con i testi di Marco Ravasini.  Ne saranno protagonisti Ekaterina Semenchuk nel ruolo di Carmen, Andrea Care’ in quello di don José,  Erika Grimaldi in quello di Micaela e Elia Fabbian in quello di Escamillo.  A dirigere il maestro americano Ryan McAdams.  Messa in scena e costumi sono curati rispettivamente da Anna Maria Bruzzone e Laura Viglione, mentre musica e cori sono eseguiti dall’Orchestra e Coro del Teatro Regio di Torino e dal coro di voci bianche del teatro Regio e del Conservatorio di Torino, diretti dal maestro Claudio Fenoglio.  Alle 22 lo spettacolo sarà preceduto da una breve guida all’ascolto di Alberto Mattioli.

 

La Carmen di Bizet rappresenterà il tributo a Francia e Spagna, quindi sarà la volta, il 24 giugno alle 21, del l’omaggio alla Germania, con l’esecuzione da parte dell’Orchestra Filarmonica di Torino, di musiche di Beethoven, Mendelssohn e Schumann; il 25 giugno sarà tributato un omaggio alla Russia, con pagine di Sostakovic,  Stravinskij e Musorgskij,  eseguite dall’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, a partire dalle 21.30. Il 26 giugno, alle 21.30, andranno in scena le più belle Sinfonie rossiniane,  in omaggio alla grande tradizione operistica italiana, eseguite dal Teatro Regio. Il 27 giugno il Festival sarà tutto dedicato a compositori statunitensi,  con un omaggio a Gershwin, Barber, Bernstein e Williams,  per l’esecuzione da parte dell’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, a partire dalle 21.30. La serata conclusiva sarà dedicata ai compositori austriaci, con l’esecuzione da parte dell’Orchestra Filarmonica di Torino,  di musiche di Schubert,  Haydn e Mozart ( dalle 21.30). Gli spettacoli saranno resi ben visibili grazie al posizionamento di tre grandi schermi, due ai lati del palco e uno dietro il Caval d’Brons,  accanto a quello di duemila e 100 sedie. Nelle serate del 23, 25, 26, 27 giugno verrà anche proiettato un video di guida all’ascolto realizzato dal critico musicale e giornalista Alberto Mattioli e, per i concerti del 24 e 28 giugno, da Nicola Campogrande,  direttore artistico dell’Orchestra Filarmonica di Torino.

 

In occasione del Classical Music Festival la Città di Torino aprirà al pubblico le principali corti dei suoi palazzi barocchi e la mostra “Arti alle Corti” costituirà,  con il suo splendido percorso di sculture e creazioni di arte contemporanea,  lo spazio ideale destinato ai concerti che completeranno il cartellone del Festival,  con protagonisti insegnanti e studenti italiani e stranieri dell’Accademia Musicale Torinese, del Conservatorio di Torino, Cuneo e Alessandria,  del Jazz Club, e dei corsi di Formazione Musicale della Città di Torino.

 

Mara Martellotta