Home » Brevi di cronaca » CARLA SPAGNUOLO, LA DONNA CHE NON EBBE BISOGNO DELLE QUOTE ROSA
Come presidente del Consiglio Regionale seppe dirigere i lavori in anni molto difficili prendendo iniziative coraggiose e libere che le fanno molto onore

CARLA SPAGNUOLO, LA DONNA CHE NON EBBE BISOGNO DELLE QUOTE ROSA

di ilTorinese pubblicato sabato 4 febbraio 2017

spagnuoloDi Pier Franco Quaglieni

Carla Spagnuolo è mancata a 71 anni colpita da un male inesorabile, vissuto con coraggio e discrezione. Mi scrisse il 15 gennaio, scusandosi se non poteva venire alla presentazione del mio ultimo libro  “per motivi personali”,ma nel contempo mi scrisse che avrebbe comprato e letto il libro. Sono rimasto colpito e addolorato per la notizia.Non sapevo che fosse ammalata. Siamo stati molto amici dagli anni in cui era stata capo gabinetto di Aldo Viglione presidente della Regione Piemonte.Viglione sapeva scegliere i suoi collaboratori,infatti Carla divenne dall’80 assessore comunale di Torino,per poi passare al Consiglio Regionale di cui divenne -dopo la parentesi  di Rossa- presidente.  Già quand’era assessore comunale, ci fu un tentativo volgare e vile di colpirla proprio dall’interno della sua maggioranza. Ma le accuse caddero e Carla riprese la sua carriera politica più forte di prima. Come presidente del Consiglio Regionale seppe dirigere i lavori in anni molto difficili, prendendo iniziative coraggiose e libere che le fanno molto onore. Poi scelse “Forza Italia” e i nostri rapporti furono più discontinui.Negli ultimi anni il nostro rapporto riprese carla spagnuolointenso.Si era trasferita a Sanremo ed aveva intrapreso un’attività nel campo dell’antiquariato.Spesso ci si vedeva al mercato dell’antiquariato di Albenga. Non siamo mai riusciti a combinare di vederci a cena con Luca e mia moglie,sua collega in Consiglio Regionale, come ci eravamo detti più volte. Era persona stimata e la sua amicizia mancherà a molti. Non ebbe bisogno delle quote rosa per emergere. Il suo socialismo riformatore era la sua vera,profonda vocazione. In un momento per me molto difficile mi telefonò la sua vicinanza e,incontrandomi per strada nei pressi del Consiglio Regionale, volle abbracciarmi,dicendomi parole che non potrò mai dimenticare. Era una donna che aveva una forte passione civile, tra le donne politicamente impegnate era parecchi gradini sopra le altre. Della stessa qualità io ricordo solo  la socialista Franca Prest, attuale giornalista all’”Espresso” e Bianca Vetrino ,leader repubblicano e vicepresidente della Regione,Nicoletta Casiraghi ,prima presidente donna della Provincia di Torino, cui interessi elettorali di bottega impedirono che entrasse  come eletta liberale nel Consiglio Regionale, come sarebbe stato giusto. Le molte comuniste e democristiane erano molti distanti da Carla per stile, cultura, preparazione politica e amministrativa.  . Amava il Centro “Pannunzio” di cui fu una fervida sostenitrice e una delle più preziose amiche. I linciaggi lasciano ferite e lividi che non si rimarginano e non scompaiono più. Il suo è stato  un volto limpido  e sorridente. Così verrà ricordata da chi sa guardare oltre le meschine divisioni politiche. Carla appartiene,a pieno titolo, al Piemonte civile. 

 

(Nella foto in basso, Carla Spagnuolo con il marito Luca Marchetti)