Home » prima pagina » Caos in piazza San Carlo, le opposizioni unite chiedono la commissione d’inchiesta
"richiesta una verifica sulle motivazioni delle inadempienze e lacune nelle misure di sicurezza che si sarebbero dovute adottare"

Caos in piazza San Carlo, le opposizioni unite chiedono la commissione d’inchiesta

di ilTorinese pubblicato mercoledì 7 giugno 2017

Oggi a Palazzo Civico si e’ tenuta una conferenza stampa indetta da tutte le opposizioni per annunciare congiuntamente una proposta di mozione per la costituzione di una Commissione di Indagine per gli incidenti di Piazza San Carlo avvenuti il 4 Giugno.

Gli esponenti della minoranza in Comune ricordano  che ad oggi “sono ancora quattro le vittime ricoverate in gravi e gravissime condizioni in diversi ospedali della Città, oltre ai feriti che non sono comunque in pericolo di vita, ma che hanno dovuto ricorrere a cure mediche più o meno importanti; in totale 1527 persone”. 

Sottolineano  i rappresentanti delle opposizioni: “Al di là della polemica politica non cavalcata per altro da nessun consigliere di minoranza e’ stata richiesta una verifica sulle motivazioni delle inadempienze e lacune nelle misure di sicurezza che si sarebbero dovute adottare per una manifestazione di quella portata, e che invece sono mancate. Sarà compito della Magistratura accertare le responsabilità , le Minoranze in Comune intanto chiedono risposte per i cittadini.  

CV

LE DICHIARAZIONI

Lavolta PD : Seguiamo con apprensione la situazione legata ai feriti. E un ringraziamento va ai soccorsi e al servizio sanitario .Depositeremo la proposta di Mozione firmata da tutti i Capigruppo delle Minoranze del Consiglio Comunale che fa riferimento ad un istituto della Città di Torino per proporre la costituzione di una Commissione di Indagine con lo scopo di acquisire atti e accertare fatti e comportamenti . Crediamo sia un atto dovuto per l’onorabilità dell’ente e per dare delle risposte ai più di 1500 feriti che meritano un atto di chiarezza. Stabilire cosa non ha funzionato. 

Lo Russo PD: siamo convinti che sia interesse dell’intera Sala Rossa capire cosa non ha funzionato il 3 giugno. Vorremmo separate i piani rispetto alla polemica politica. L’amministrazione non ha la capacità di scusarsi. Ma la commissione vuole accertarsi di chi siano le responsabilità organizzative. 

Tresso Lista Civica: e’ la seconda volta che i Capigruppo di Minoranza si trovano riuniti per dire che e’ importante e doveroso che ci sia un’approfondita indagine rispetto a quello che e’ successo. Bisogna avviare una seria analisi per garantire le procedure organizzative.

Rosso Direzione Italia: essendo l’unico che ha sostenuto l’ Appendino al ballottaggio in questa situazione ho ritenuto doveroso chiederne le dimissioni . E’ evidente che qualcuno dovrà risponderne.

Morano Lista Civica Morano : il compito di questa Commissione di Inchiesta non e’ trovare responsabilità politiche, ma accertare da un lato che tutti i documenti siano stati predisposti e ci sia stata esecuzione degli atti di ufficio , se questi ci sono stati, se sono date istruzioni e se queste siano state eseguite correttamente . Capire come si sono svolti i fatti, se ci sono stati atti formali e se questi siano stati attuati. 

Ricca Lega Nord: la nostra proposta non e’ quella di sostituirci ai Magistrati. Siamo Consiglieri Comunali e vogliamo dare chiarimenti alla Città. Appurare come sono andati i fatti il più in fretta possibile e a livello amministrativo capire cosa non ha funzionato . 

Magliano Moderati: serve che ci sia un assessore che oggi si occupi di sicurezza. Sembra una notizia che Appendino dica: “ci prenderemo le nostre responsabilità” e io dico ci mancherebbe altro . Ribadisco che non sono state attuate le procedure anti terrorismo e chiedo ai cittadini che si sono tagliati di accertarsi del loro stato di salute a causa di malattie trasmissibili che potrebbero aver contratto attraverso le ferite da taglio. 

In vista della festa del Santo Patrono di Torino, occhi puntati sul l’organizzazione e allerta massima .