Home » POLITICA » Cannabis terapeutica, Manfredi (radicali): “Saitta recuperi tempo perduto”
RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Cannabis terapeutica, Manfredi (radicali): “Saitta recuperi tempo perduto”

di ilTorinese pubblicato martedì 9 ottobre 2018

“Formalizzi disponibilità a Ministero Salute e convochi
subito tavolo tecnico in Assessorato con tutti gli operatori
interessati”

Dichiara Giulio Manfredi (giunta Associazione radicale Adelaide Aglietta):

A oltre tre anni dall’approvazione della legge regionale sulla
cannabis terapeutica (L. R. n. 11/2015) e a soli otto mesi dalle
elezioni regionali, l’Assessore Saitta ha dichiarato che la Regione
Piemonte chiederà formalmente al Ministero della Salute di autorizzare
altri enti alla produzione dei farmaci con cannabinoidi, poiché la
produzione dello Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze
è inadeguata a soddisfare la domanda (l’Itala ha già dovuto
approvvigionarsi all’estero, in gennaio in Germania ed ora in Olanda).
Sono d’accordo con l’Assessore Saitta che la decisione finale su chi
potrà affiancare Firenze nella produzione spetti al governo centrale;
ciò non toglie che la Regione Piemonte possa e debba fare delle
proposte di candidatura. E’ dal 2015 cha abbiamo a più riprese segnalato sia a Saitta sia alla
Commissione Sanità del Consiglio Regionale di verificare la
disponibilità sia dell’IPLA (Istituto Piante da Legno e per
l’Ambiente), istituto controllato dalla Regione Piemonte, sia dell’
“Istituto Bonafous” di Chieri (ente controllato dal Comune di Torino)
ma vi sono sicuramente altri enti disponibili, come peraltro segnalato
dal consigliere regionale Marco Grimaldi. L’Assessore Saitta, oltre a formalizzare la richiesta al Ministro
Grillo, convochi a tambur battente in Assessorato un tavolo tecnico
con tutte le organizzazioni interessate alla produzione in Piemonte di
cannabis terapeutica. Inoltre, visto che Saitta è anche coordinatore della Commissione
Salute nell’ambito della Conferenza Stato-Regioni, puo’ utilizzare
tale carica per richiedere alle altre Regioni di attivarsi nei
confronti del governo centrale per ampliare l’offerta dei farmaci
cannabinoidi.

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE