Home » CULTURA E SPETTACOLI » Borgata alpina Perosa Argentina vendesi
L'ANNUNCIO SU EBAY

Borgata alpina Perosa Argentina vendesi

di ilTorinese pubblicato martedì 3 febbraio 2015

PEROSA

PEROSA 2180mila euro il costo degli otto immobili e del terreno

 

Alcuni anni fa Guido Gozzano (una lontana parentela con il grande poeta torinese) sindaco di Carrega Ligure, paese dell’Appennino all’estremo sud della Provincia di Alessandria (anzi, quasi ai confini del mondo, vista la distanza che occorre percorrere per raggiungerlo da Alessandria e da Genova) tentò a carta della riqualificazione del paese con la messa in vendita delle case diroccate al prezzo simbolico di un euro. Ma una serie di problematiche – rintracciare i proprietari, emigrati, e i loro discendenti, i costi per il vincolo di ristrutturazione – hanno tarpato le ali a questa iniziativa. Adesso, ma sul fronte delle Alpi Occidentali arriva un’altra iniziativa.

 

“Borgata alpina Perosa Argentina” è il titolo dell’annuncio che si può trovare da qualche ora su EBay (http://www.ebay.it/itm/BORGATA-ALPINA-PEROSA-ARGENTINA-/261752257465), il più noto e usato sito al mondo per acquisti on line. Un borgo – Gilli, tra Perosa e Pomaretto, in Val Chisone – interamente da recuperare, esposto a sud. Otto fabbricati rurali con sviluppo totale di circa 700 metri quadrati interamente da ristrutturare, corte pianeggiante interna, strada di accesso privata, circa 7500 metri quadrati di terreno a bosco verso il fondovalle. “Possibilità di recupero a fini abitativi, agriturismo, bed&breakfast, ristorazione, …” si legge su EBay nell’annuncio al quale è possibile rispondere con la proposta di acquisto (non si tratta di un’asta, ma l’offerta rientra nella possibilità “compralo subito”). 180mila euro il costo degli otto immobili e del terreno. Da ritirare “solo in zona”.

 

L’annuncio è stato inserito su EBay dal geometra Giovanni Piavento di Settimo Torinese che ha voluto con Uncem rilanciare in questo modo il programma “Borghi Alpini”, sul quale da due anni e mezzo è impegnata la Delegazione piemontese dei Comuni delle Comunità e degli Enti montani. Obiettivo, favorire la valorizzazione di 5000 immobili e borghi (dalle cinque alle cinquanta case) completamente abbandonati nelle Terre Alte del Piemonte. “La montagna che si è spopolata negli ultimi quarant’anni – spiega Marco Bussone, coordinatore per Uncem del programma Borghi Alpini – ha lasciato questo patrimonio immenso che oggi deve essere valorizzato. Per questo abbiamo voluto aiutare i Comuni e i privati proprietari nell’individuare nuovi percorsi di promozione, attirando investimenti e agevolando l’uso di fondi europei per la rivitalizzazione.”

 

Massimo Iaretti