Home » LIFESTYLE » Dal fondo nazionale boccata d’ossigeno da 80 milioni per la Sanità piemontese
L'assessore Saitta: "Sapere le risorse sui cui contare a inizio febbraio significa poter programmare. Daremo così certezze alle nostre aziende sanitarie"

Dal fondo nazionale boccata d’ossigeno da 80 milioni per la Sanità piemontese

di ilTorinese pubblicato giovedì 11 febbraio 2016

molinette2“Il Governo – dice l’assessore – inserirà l’accordo nel decreto milleproroghe e con le risorse aggiuntive faremo fronte tra l’altro ai nuovi livelli essenziali di assistenza che il Ministero della Salute approverà entro febbraio”.

 

Una vera e propria boccata d’ossigeno per il Piemonte che,  quest’anno,  avrà 80 milioni in più da impiegare per la sanità. Tra debiti pregressi e prospettive incerte non sarà molto, ma a caval donato…A permetterlo è il riparto del fondo nazionale 2016, approvato il 4 febbraio dalla Conferenza delle Regioni, che passa da 107 miliardi e 302 milioni a 108 miliardi e 440 milioni.

 

“Le Regioni – commenta l’assessore alla Sanità, Antonio Saitta – hanno lavorato bene e concordato un riparto del fondo sanitario in tempi rapidissimi, come da anni non capitava. E sapere le risorse sui cui contare a inizio febbraio significa poter programmare. Daremo così certezze alle nostre aziende sanitarie, e non appena saremo fuori dal piano di rientro volteremo davvero pagina”.

 

“Il Governo – aggiunge – inserirà l’accordo nel decreto milleproroghe e con le risorse aggiuntive faremo fronte tra l’altro ai nuovi livelli essenziali di assistenza che il Ministero della Salute approverà entro febbraio”.

 

(Foto: il Torinese)