Home » prima pagina » Bilancio del Comune, tutte le opposizioni unite contro la sindaca: “Governa con arroganza”
LA GIUNTA REPLICA. "TUTTO REGOLARE. L'EVENTUALE BOCCIATURA DELLA DELIBERA AL TAR NON CAMBIEREBBE NULLA"

Bilancio del Comune, tutte le opposizioni unite contro la sindaca: “Governa con arroganza”

di ilTorinese pubblicato sabato 1 aprile 2017

Secondo i rappresentanti delle opposizioni al gran completo «prima ci sono le regole, poi le posizioni politiche”. Ecco perché tutta la minoranza di Palazzo Civico ha indetto per la prima volta una maxi-conferenza stampa congiunta

durante la quale sono state  illustrate le motivazioni e i contenuti del ricorso al Tar Piemonte presentato all’unisono dai capigruppo di tutti i gruppi consiliari delle minoranze per l’annullamento della delibera “Indirizzi per la redazione del Bilancio finanziario triennale 2017 – 2019. Questa  consente l’utilizzo degli oneri di urbanizzazione per pagare la spesa corrente, ed è stata  approvata dalla maggioranza del M5S nella seduta del 6 marzo ” viziata da gravi irregolarità nelle procedure adottate” . Hanno aderito alla conferenza stampa Alberto Morano Capogruppo Lista Civica Morano,  Stefano Lo Russo PD, Eleonora Artesio  Torino in Comune – La Sinistra, Silvio Magliano Moderati, Osvaldo Napoli Forza Italia, Francesco Tresso Lista Civica per Torino, Fabrizio Ricca Lega Nord-Piemont, Roberto Rosso Direzione Italia.  Per le minoranze “unite”  “i pentastellati e la sindaca Appendino non si rendono conto che ora governano, e non occupano, la macchina amministrativa. E’ un atteggiamento arrogante”. Tutto regolare, replica  la giunta Appendino: “procedure corrette e l’eventuale bocciatura della delibera al Tar”, sostiene l’amministrazione,  “non cambierebbe nulla”, il ricorso agli oneri è permesso dalla legge , senza provvedimenti specifici. La battaglia è appena iniziata.

I CAPIGURUPPO DI MINORANZA ATTACCANO L’AMMINISTRAZIONE

 Lo Russo : “Appendino e’ riuscita a metterci tutti intorno allo stesso tavolo: il ricorso al TAR che viene presentato  al fine di sospendere o annullare gli effetti di una deliberazione approvata dalla maggioranza grillina che consente di inserire nel Bilancio gli Oneri di Urbanizzazione per pagare la Spesa Corrente che e’ per altro una pratica condannata dalla Corte dei Conti. E’ come vendere i gioielli della nonna per pagare le bollette. Utilizzare questi oneri per pagare una spesa che tutti gli anni il Comune deve sostenere e’ una enorme forzatura regolamentare perché benché si possa deliberare una procedura di urgenza ci sono alcuni paletti a tutela della minoranza. Esiste un principio di regole democratiche che prevede che su alcuni atti fondamentali  su Urbanistica e Bilancio non si possono applicare alcune procedure. Che siano proprio l’assessore Rolando, la sindaca  Appendino e tutto il gruppo Movimento Cinque Stelle a violare questi principi e’ inaccettabile . Se salta il principio delle regole del gioco, unanimemente riteniamo che non sia accettabile. Questa e’ una procedura viziata dal punto di vista politico. C’è un comune denominatore che caratterizza i gruppi della minoranza : il rispetto delle regole.” 

.

Napoli: “Questa Giunta non ha una vera proposta per Torino, si comportano come se le opposizioni non esistessero . Non c’è una strategia globale per la valorizzazione della Città . E’ il fallimento di questa amministrazione . Si comportano dando sempre la colpa agli altri . Non e’ così che si amministra. “

.

Morano: “Questo ricorso vuole essere per il rispetto delle regole democratiche , altrimenti viene meno il sistema , quale che sia la coloritura politica . Il tema degli oneri poi e’ un tema importante. Vedremo nel tempo la correttezza di questo Bilancio . Anche i rilievi di Standard and Poor’s non ritengono attendibile e accettabile questo Bilancio. Quando si parla ai mercati finanziari bisogna essere credibili. E non c’è rispetto delle regole democratiche nemmeno all’interno del loro movimento”.

.

 Artesio: ” La sindaca in virtù di privilegiare la sua immagine e quella del suo movimento non ascrive nessuna azione collettiva che consente di amministrare. ” Chiude Lo Russo: ” Si sta palesando la totale inadeguatezza di Appendino e di Rolando di governare . Il Movimento a Cinque Stelle ha un atteggiamento padronale e arrogante non supportato per altro da competenza e capacità di amministrare. Tutti intorno ad un tavolo per dire basta a questo tipo di andazzo.