Home » prima pagina » Bardonecchia, polizia alle prese con i respingimenti francesi e i treni carichi di migranti
Da Porta Nuova salgono sul treno per tentare di espatriare passando dal Fréjus

Bardonecchia, polizia alle prese con i respingimenti francesi e i treni carichi di migranti

di ilTorinese pubblicato giovedì 24 agosto 2017

Il sindacato autonomo dei poliziotti, il Siulp, denuncia che il commissariato di polizia di Bardonecchia,  è in condizioni di estrema difficoltà e necessita di un rafforzamento degli organici. Secondo l’organizzazione sindacale “Il lavoro è sempre più gravoso” e il personale è costantemente impegnato nel controllo dei valichi internazionali del Fréjus e del Monginevro, e del valico stagionale del Colle della Scala, mentre la Francia ha sospeso il trattato di Schengen. I continui respingimenti aumentano il lavoro del commissariato. Come se non bastasse, nelle ultime settimane si verifica un nuovo fenomeno: i treni regionali in partenza dalla stazione di Torino Porta Nuova sono carichi di migranti, quasi tutti del Centro Africa, con l’obiettivo di espatriare verso il territorio francese passando dal tunnel ferroviario del Fréjus, rischiando la vita. L’organico di polizia  previsto a Bardonecchia è di 80 unità, ma  in forza al commissariato ci sono oggi solo 54 persone.