Home » ECONOMIA E SOCIALE » Autunno impressionista con Monet alla Gam
DAL 2 OTTOBRE

Autunno impressionista con Monet alla Gam

di ilTorinese pubblicato mercoledì 2 settembre 2015

 monet gam

Saranno in mostra 40 capolavori impressionisti  prestati dal Musée d’Orsay di Parigi, di cui alcuni mai esposti prima in Italia

 

Alla Gam di Torino quest’autunno,  dopo i successi delle esposizioni di Renoir e Modigliani,   approderà dal 2 ottobre prossimo l’opera di Claude Monet, uno dei padri indiscussi,  insieme a Manet, Degas,  Pisarro, Sisley e Cezanne,  dell’Impressionismo francese, tra gli anni Ottanta dell’Ottocento e il primo ventennio del Novecento. La rassegna monografica è resa possibile grazie ai prestiti del Musée d’Orsay,  che conserva la più importante collezione dell’opera dell’artista, e dal quale proveranno oltre quaranta capolavori. La curatela della mostra è affidata a Xavier Rey, conservatore presso il Musee d’Orsay e specialista di Monet, e Virginia Bertone, conservatrice alla Gam di Torino.  Sarà allestita al primo piano della Gam, nella sala dell’Exhibition Area, all’interno del percorso delle collezioni permanenti.

 

Dopo un esordio ancora nel solco del realismo courbettiano, negli anni Sessanta dell’Ottocento, Monet si avvicinò sempre più all’impressionismo,  dando vita, tramite uno sguardo sempre più acuto e penetrante, a un capitolo innovativo nell’arte dell’epoca.  La mostra è resa eccezionale dalla concessione di prestiti di alcune opere mai presentate prima d’ora in Italia, tra cui il dipinto intitolato “Le dejeuner sur l’herbe”, opera fondamentale nel percorso dell’artista,  perché dimostrazione della precoce affermazione di una nuova e audace concessione della pittura en plein air.  Per contestualizzare in modo adeguato questa presenza,  cui si lega il ritratto a figura intera di Madame Louis Joachim Gaudibert , sono stati selezionati due nuclei di dipinti dell’artista, che documentano le fasi cruciali della ricerca di Monet, da un lato gli studi dei riflessi sull’acqua compiuti a Argenteuil,  dall’altro quelli legati al soggiorno a Vetheuil,  che presentano lo studio della resa luminosa della neve, come nel dipinto intitolato “La pie”, con protagonista una gazza. Tra le opere poste in apertura di percorsoa, figura il trittico appartenuto al mercante d’arte Durand-Ruel,  la cui azione fu fondamentale per lo sviluppo dell’Impressionimo. A

 

l centro il dipinto di Camille Pisarrofigura intitolato “Entree di Village de Voisins” del 1872, affiancato da quello di Alfred Sisley “L’ile Saint Denis” e da quello di Monet dal titolo “Bateaux  de plaisance”, tutti risalenti allo stesso anno. La mostra documenta poi alcuni momenti decisivi nella produzione dell’artista,  con due straordinarie versioni della “Cattedrale di Rouen”, in cui il gioco delle scelte cromatiche quasi antitetiche rimanda alla messa a punto di serie e ripetizioni, che Monet compose tra la fine degli anni Ottanta e i Novanta dell’Ottocento. L’arco cronologico delle opere esposte si estende fino al 1886, anno in cui l’artista realizzò una emblematica figura intrisa di luce, protagonista del dipinto “Essai de figure en plein air. Femme a l’ombrelle tournée a droite”.

 

 Mara Martellotta

Gam, Galleria d’Arte Moderna, via Magenta 31.

Tel 0114429518