Home » CULTURA E SPETTACOLI » Aumenta la povertà, a Torino un pensionato su due fatica ad arrivare a fine mese
I DATI ALLARMANTI DALL'INDAGINE DI UIL PIEMONTE: MOLTI PENSIONATI MANGIANO DI MENO E HANNO DIFFICOLTA' A PAGARE IL BIGLIETTO DEL TRAM

Aumenta la povertà, a Torino un pensionato su due fatica ad arrivare a fine mese

di ilTorinese pubblicato sabato 7 marzo 2015

ANZIANI 25

La mazzata arriva dalle bollette (23,8%), poi le spese per manutenzione della casa (23,1%), il pagamento di affitti o del mutuo. Molti si trovano persino in difficoltà a pagare il biglietto del bus

 

La popolazione piemontese invecchia sempre di più con i conseguenti problemi per lo stato sociale. Un pensionato su due a Torino fatica ad arrivare a fine mese, uno su quattro neppure alla seconda settimana. La mazzata arriva dalle bollette (23,8%), poi le spese per manutenzione della casa (23,1%), il pagamento di affitti o del mutuo. Molti si trovano persino in difficoltà a pagare il biglietto del bus. I dati allarmanti sono forniti  da un’indagine della Uil svolta su un campione di 270 pensionati. A causa delle difficoltà economiche, il 10% mangia di meno, mentre il 20% taglia le spese mediche.

 

 “I pensionati –  spiega Lorenzo Cestari, segretario della Uil Pensionati Piemonte – non sono una categoria di privilegiati come luoghi comune e Governo vorrebbero far credere. Dalle nostre rilevazioni è in aumento lo stato di povertà e disagio per via delle pensioni ferme. Il 26,7% percepisce un assegno mensile inferiore agli 800 euro, il 44,8% tra gli 800 e i 1.200, il 28,5% sopra ai 1.200. Occorrono subito misure a sostegno della categoria, sempre più disagiata e povera con la priorità, rispetto alle politiche nazionali, di non intaccare ulteriormente il valore delle pensioni”.

 

(Foto: il Torinese)