Home » prima pagina » Asproni se ne va, Appendino resta. La presidente dei musei: “Non mi faccio cacciare”
LA SINDACA SMENTISCE DI ESSERE INTERESSATA ALLA CANDIDATURA A PREMIER PER M5S: "IL MIO IMPEGNO E' TORINO"

Asproni se ne va, Appendino resta. La presidente dei musei: “Non mi faccio cacciare”

di ilTorinese pubblicato lunedì 24 ottobre 2016

appendino3La presidente della Fondazione Torino Musei Patrizia Asproni, scelta dall’ex sindaco Piero Fassino per guidare il  sistema museale della città,si è dimessa prima dell’incontro con la sindaca Appendino, a seguito delle polemiche sulla mostra di Manet perduta. “Non intendo farmi cacciare, mi dimetto io – riporta così le sue parole il quotidiano Repubblica – E’ questione di mancato rispetto delle competenze e del lavoro svolto”. Proprio nella seduta di oggi il  consiglio comunale di Torino avrebbe sfiduciato la Asproni. Restaasproni invece ben salda al comando Chiara Appendino c he, secondo rumors, si sarebbe potuta candidare alla carica di premier per i pentastellati alle prossime politiche.  “Lo ribadisco ancora: sono concentrata al 100% su Torino. Essere sindaca è già abbastanza impegnativo, le altre ipotesi sono fantascienza”. Così la sindaca attraverso un  tweet ha smentito la  sua candidatura alla premiership M5S. Ha aggiunto il vicepresidente della Camera Luigi Di Maio: “Ci sono delle regole chiare, tra cui il fatto che chi sta svolgendo un compito non può candidarsi per altro. Non c’è alcuna competizione tra me e Chiara”.