Home » prima pagina » Artissima è di scena all’Oval: 200 gallerie in mostra tra sperimentazione e ricerca
Nomi emergenti e riscoperta dei grandi pionieri dell’arte contemporanea. L'edizione 2016 si tiene dal 4 al 6 novembre

Artissima è di scena all’Oval: 200 gallerie in mostra tra sperimentazione e ricerca

di ilTorinese pubblicato giovedì 3 novembre 2016

artissima4Torna Artissima,  la principale fiera d’arte contemporanea in Italia, con la partecipazione di circa 200 gallerie da tutto il mondo.  Fondata nel 1994, unisce la presenza nel mercato internazionale a una grande attenzione per la sperimentazione e la ricerca. Oltre all’esposizione fieristica, Artissima propone tre sezioni artistiche dirette da board di curatori e direttori di musei internazionali, dedicate agli artisti emergenti, alla performance e alla riscoperta dei grandi pionieri dell’arte contemporanea. L’edizione 2016 si tiene dal 4 al 6 novembre all’Oval, il padiglione di vetro costruito per i Giochi Olimpici Invernali  2006 nel complesso del Lingotto di Torino. Lo scorso anno i visitatori sono stati 52 mila.

artissima 15 3corpo.gesto.postura

La grande esposizione a tema che Artissima organizza all’Oval celebra le grandi collezioni di Torino e del suo territorio unendo, per la prima volta nel 2016, opere provenienti dai maggiori musei e fondazioni a importanti lavori di provenienza privata. In Mostra racconta il Piemonte come eccellenza del collezionismo internazionale attraverso un’iniziativa espositiva coerente e univoca. Curato quest’anno da Simone Menegoi con il titolo “corpo.gesto.postura”, il progetto è incentrato sulla figura umana e sull’esplorazione del corpo nell’arte. La selezione include sculture e video, dipinti e fotografie, performance e disegni, partendo dal XIX secolo per concentrarsi sulla contemporaneità. Alcune opere sollecitano il dialogo fra statue e corpi viventi, altre mettono in relazione la rappresentazione artistica del corpo e la sua evocazione.

Thomas Bayrle
Flying Home

artissima6Artissima in occasione dell’edizione 2016 presenta Flying Home, un progetto collaterale inedito, appositamente concepito per la città, realizzato in collaborazione con l’Aeroporto di Torino e curato da Sarah Cosulich.

Torino Airport | Sagat si presenta per la prima volta come partner impegnato nella progettazione di un’iniziativa di produzione artistica, accogliendo la sfida di Artissima di sperimentare modelli nuovi e contaminare luoghi inaspettati e pubblici diversi. Due soggetti della città apparentemente distanti collaborano a un’iniziativa culturale sorprendente, invitando il grande artista tedesco Thomas Bayrle a proporre un’opera specifica per lo scalo torinese.Thomas Bayrle (Berlino, 1937) è considerato il pioniere del movimento Pop tedesco. Anticipatore del linguaggio digitale prima che questo potesse essere immaginato, l’artista tedesco ha costruito fin dagli anni Sessanta immagini totali attraverso l’utilizzo della stessa immagine (o di piccole immagini correlate) ripetute infinitamente come tante unità di un unico ideale insieme.

***

Nel corso di Artissima 2016 delle giurie internazionali assegneranno sette premi agli artisti e alle gallerie partecipanti.

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE