Home » ECONOMIA E SOCIALE » Arriva il microcredito
si attiva un percorso di educazione finanziaria e di informazione che può favorire la cultura di impresa

Arriva il microcredito

di ilTorinese pubblicato lunedì 8 ottobre 2018
È stato siglato  l’accordo per l’apertura dello Sportello Unico dell’Ente Nazionale per il microcredito presso il Comune di Racconigi e la Camera di Commercio di Cuneo. La consegna delle targhe è avvenuta presso la sala consiliare del comune di Racconigi dove si sono riuniti il presidente dell’Ente Nazionale per il Microcredito, Mario Baccini, Il sindaco della città Valerio Oderda e il presidente della Camera di Commercio di Cuneo, Ferruccio Dardanello. Erano presenti anche il presidente della Banca Alpi Marittime, Giovanni Cappa, che siglando l’accordo con l’ENM, darà corso alle progettualità finanziando le nuove micro imprese e attivando il circuito promosso dalla via italiana al microcredito creata dall’ENM; insieme a lui il consigliere delegato i del Comune di Racconigi, Domenico Annibale e il responsabile nazionale degli sportelli ENM, Roberto Marta. “Queste due nuove realtà – ha dichiarato Mario Baccini, presidente dell’Entre Nazionale per il Microcredito – entrano a far parte della rete italiana dei 180 sportelli dell’Ente e sono l’espressione di quella mano pubblica che si attiva per colmare il gap della esclusione finanziaria. Attraverso gli sportelli si attiva un percorso di educazione finanziaria e di informazione che può favorire la cultura di impresa e sostenere, attraverso gli strumenti del microcredito, nuove attività. Ricordando che il microcredito è uno strumento di lotta alla esclusione sociale e finanziaria l’obiettivo è quello di rivolgersi a tutti coloro che non sono bancabili per offrirgli una opportunità. Attraverso gli strumenti della microfinanza si può creare un’impresa con la garanzia della mano pubblica che, attraverso il sistema di tutoraggio e accompagnamento previsti per legge nell’articolo 111 del testo unico bancario che definisce le attività di microcredito, si arriva alla creazione di aziende sane che sul territorio sviluppano un effetto leva occupazionale di 2,43: ossia micro aziende che vengono accompagnate dalla loro formazione e durante il loro percorso di attività così da garantire un default pari quasi a zero e un tessuto economico rinnovato e realmente produttivo”.
Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE