Home » vetrina11 » Alla Bottega la sapienza del cibo
APERTO IL NUOVO LOCALE A DUE PASSI DAL PO

Alla Bottega la sapienza del cibo

di ilTorinese pubblicato giovedì 11 dicembre 2014

bottega3

bottega1bottega2Inaugurazione della nuova location. Mostra di quadri Take a Break di Serena de Giere, cartomanzia, lettura delle carte a 4 mani. Via Matteo Pescatore 10, Torino

 

Nel dedalo di viuzze dietro la regale Piazza Vittorio, dietro la Fondazione Antonio Gramsci, precisamente in Via Matteo Pescatore 10, da qualche settimana si è trasferita la Bottega Gastronomica, nata un anno fa in Porta Palazzo dall’importante recupero architettonico e urbanistico voluto e realizzato dalla Compagnia San Paolo.La Bottega Gastronomica vi invita all’inaugurazione ufficiale della sua nuova location nel salotto torinese nei pressi del fiume Po, che si terrà venerdì 12 dicembre alle ore 19.30 per farvi scoprire i suoi spazi dedicati alla sapienza del cibo e alla tradizione dello street food, il “cibo da strada” che più di altri riesce a riassumere e tradurre culture e tradizioni di popoli diversi. 

 

Un luogo dove si può degustare ciò che è stato appena cotto nella cucina open che accoglie gli ospiti direttamente all’ingresso del locale, oppure un acquistare un comodo take away. Su una lavagna in stile 5° elementare potrete scegliere il vostro menù alla carta, ma non ci sono i menù “di carta”, tutto rigorosamente a voce! Una cucina tra lo stile sabaudo – piemontese, la tradizione romagnola e il cibo da strada appunto. A cena il prezzo è pieno, mentre a pranzo è semplicemente scontato del 50% per venire incontro a pranzi di lavoro, chiacchiere ed atmosfere da bar o convivi universitari.La Bottega Gastronomica vi ospiterà tutti i giorni dalle h 12.00 alle h 00.00. Un luogo dove poter fare un buon pasto, stuzzicare una golosità, comprare del cibo take away, mangiare una torta casalinga, leggere un libro sorseggiando un caldo caffè e connettersi liberamente al wifi. C’è anche un pianoforte, appoggiato in un angolo, se qualcuno volesse cimentarsi a suonare…All’inaugurazione, si darà il via ad un susseguirsi di artisti che esporranno opere in Bottega. 

 

La prima esposizione Take a Break è di Serena de Gier, una cuneese di adozione ma parmense di nascita che con le sue Facce Pop mostra volti strappati alla vita quotidiana, imprigionati in uno sguardo stupito, in un momento di nostalgia, in un gesto distratto, istantanee catturate con “la cura della disattenzione”.Lo chef e bottegaio Giacomo Tabellini, bolognese fino al collo, è colui che con passione vive la Bottega tutti i giorni insieme al suo staff e che vi proporrà anche dei corsi di cucina e degli show cooking durante l’anno. Riprenderanno infatti le buone abitudini delle Chiacchiere in Bottega: un ciclo d’incontri che porterà giovani produttori piemontesi in Bottega con degustazioni guidate e aperitivi tematici che permetteranno di assaggiare prodotti agroalimentari locali. L’artista Serena de Gier, che sarà presente in Bottega, ha dichiarato: “con Take a Break espongo alcuni dipinti delle mie serie di opere: “Mani in faccia” e “Mangiare lento” (quest’ultima nata da una collaborazione con la rivista Slow Food), entrambe concepite dal mio desiderio di ritrarre il rapporto fra l’essere umano ed il tempo. Non è un caso se la mostra di presentazione del mio lavoro, all’Istituto italiano di cultura a Copenaghen, si chiamava “Fermo immagine”: spesso ho lavorato con i frame di film o documentari, cogliendo l’attimo come un colpo di fulmine, riconoscendo nell’istante una storia di amore e piacere fra l’uomo ed il tempo. 

 

Questo avviene in un momento di intimità, in una pausa strappata allo scorrere impetuoso del tempo, in un attimo di rilassatezza, giocherellando con un cucchiaio o con un bicchiere, ponendo le mani o una tazza di caffè davanti al volto come per nasconderne l’intima natura quando, invece, ogni dettaglio, dallemani, allo sguardo, alla posa, sembra gridare autocompiacimento, piacere, bellezza.Questo era quello che volevo ritrarre: la bellezza espressa nell’attimo in cui sappiamo prenderci il tempo per trovare respiro, per concederci un sapore, per gustare la vita”.La serata di venerdì 12 dicembre, sarà avvolta da un’aurea magica: a disposizione del pubblico i responsabili del progetto Olistic Art che da diversi anni si occupano professionalmente di astrologia e cartomanzia. 

 

Olistic Art propone queste discipline in modo eclettico e divertente avvalendosi in certe circostanze della collaborazione di compagni di strada di ogni stampo: pittori, cabarettisti, musicisti, cuochi e chiunque abbia il desiderio di infrangere ogni barriera artistica e culturale. Nei consulti, viene utilizzata una metodologia nuova e insolita: la lettura delle carte a 4 mani, ossia due cartomanti che interpretano la stesa delle carte usando mazzi di origine diversa. La collaborazione di Olistic Art con la Bottega Gastronomica consisterà in incontri settimanali nei quali è possibile usufruire in modo diretto dei consulti.

 

Bottega Gastronomica varda, cata e mangia! www.facebook.com/Bottegaportapila

 

Vieni a trovarci: sempre aperto, dalle h 12.00 a h 00.00. Come raggiungere la Bottega GastronomicaTram: 13, 15, 16Bus: 30, 53, 55, 56, 61, 70Se vieni in bicicletta all’inaugurazione ti regaliamo un bicchiere di vino rosso.Contatti ospitiSerena de Gier: https://www.facebook.com/SerenaDeGier?fref=tsOlistic Art: https://www.facebook.com/profile.php?id=100004817792144&fref=tsContattiBottega GastronomicaGiacomo Tabellini / +39.339.6136102 / tabellini.giacomo@gmail.comGiorgia Franco / +39.349.0068004 / franco.giorgia@gmail.com