Home » vetrina10 » Appendino, 5 milioni per inserire i giovani nelle imprese: “alla città serve merito e cambiamento”
"Credo che la vocazione turistica non sia sufficiente a rilanciare la città: penso si debba ripartire dalle piccole e medie imprese"

Appendino, 5 milioni per inserire i giovani nelle imprese: “alla città serve merito e cambiamento”

di ilTorinese pubblicato giovedì 26 maggio 2016

La candidata sindaco del Movimento Cinque Stelle racconta ai nostri microfoni le sue idee per una Torino solidale, che investe sui giovani e dialoga con i cittadini

APPENDINO 2

DI ROMANA ALLEGRA MONTI

Qual è la sua visione per Torino?

La città che vogliamo costruire è una città sicura, sana e solidale. Queste sono le tre parole chiave della Torino di domani. Sicura perché ogni cittadino deve poter vivere il suo quartiere, non solo in centro, ma anche nelle periferie della città; sana perché la mobilità deve essere sostenibile e l’aria respirabile; solidale perché per fare questo serve fiducia tra istituzioni e cittadini.

Come pensate di poter ridurre l’inquinamento concretamente?

Abbiamo una serie di gruppi di lavoro e abbiamo tenuto una serata proprio su questo tema: è una delle nostre priorità, il trasporto locale è un elemento che favorisce la sostenibilità e garantisce davvero la mobilità dei cittadini e il loro diritto al trasporto, a prescindere dalla propria disponibilità economica. Prevediamo un allungamento dell’orario di ZTL, un percorso di linea metropolitana che sfrutti la Torino-Ceres e le gallerie sotto via Stradella, collegando l’aeroporto al centro della città. Garantire inoltre la sicurezza per le ciclabili è un altro punto fondamentale per noi, infatti un nostro obiettivo sul breve periodo è realizzare dei parcheggi sicuri anche per le biciclette, per favorirne l’utilizzo in alternativa all’auto.

campus universita 1In città sono carenti i collegamenti con alcuni luoghi di interesse, come il Campus Luigi Einaudi, per dirne uno. Riguardo i mezzi pubblici dunque, pensate di apporre qualche modifica nei collegamenti o nell’attuale viabilità?

Vorremmo lavorare sul tema della viabilità semaforica e velocizzare le linee, facendo sì che siano anche più attrattive con priorità alle linee tramviarie per una questione ambientale. Sicuramente c’è un tema di riprogrammazione del servizio da affrontare con Gtt in modo partecipato, facendo uno studio che in parte è già stato fatto, ma che è rimasto in un cassetto. Da Mirafiori ci si mette meno ad andare a Milano che in centro città e questo è un problema rilevante.

Cosa pensi della promessa dell’amministrazione Fassino di una seconda linea metro per il 2017?

Pensiamo che sia meglio dare priorità alla linea 1, per portarla a termine: è inaccettabile ci sia volutometro2 così tanto tempo per poi neppure terminarla, creando forti disagi al commercio locale che è stato letteralmente ucciso da questi cantieri eterni. Certamente saremmo favorevoli a incrementare un’altra linea, ma solo dopo aver finito la prima e soprattutto aver trovato i fondi per la seconda, questo è il vero problema. Oltretutto riteniamo che un progetto del genere debba coinvolgere la cittadinanza: vorremmo un dibattito pubblico su un’operazione così importante da quasi 1 miliardo e 400 milioni. Andrebbe poi affrontato anche un investimento decisamente minore, quello nella “linea 3”,sfruttando la Torino-Ceres di cui parlavo prima.

Come affrontereste invece l’emergenza abitativa?

Sul tema casa vorremmo lavorare su due elementi: da un lato su un censimento di quelli che sono gli edifici sfitti pubblici, in un’ottica di pianificazione urbanistica, per sfruttare al meglio il patrimonio già esistente. Dall’altro, per quel che riguarda il privato, vogliamo rafforzare i collegamenti affinché un soggetto privato sia incentivato a badare al suo appartamento e magari volerlo affittare a prezzi calmierati. Siamo in una situazione paradossale: l’emergenza casa è in continua crescita, così come gli appartamenti sfitti.

moi scontri1Tra le vere e proprie emergenze in città, vi è anche quella che riguarda l’ex Moi. Cosa propone per risolvere questo annosa criticità?

Crediamo sia corretto effettuare un censimento di tutti coloro che vivono all’interno di quelle palazzine: è inaccettabile che non si sappia chi vi sia all’interno e che diritti abbiano, questo riguarda la prima fase d’intervento. La seconda fase dovrà riportare quegli edifici alla cittadinanza, sulla quale per ora si è solo scaricato difficoltà e tensioni che non fanno altro che aumentare. La situazione va presa in mano. Per coloro che avranno le carte in regola dovranno prevedersi percorsi di integrazione.

In questo dinamico periodo di campagna elettorale è stato ripulito il campo rom di corso Tazzoli e sgomberato quello in Lungo Stura Lazio. Come gestirebbe da sindaco questa situazione?

Fino a pochi mesi fa lavoravo nei dintorni di via Germagnano, quindi ho ben presente le difficoltà che esistono all’interno di quelle baraccopoli e anche all’esterno: situazioni pericolose a livello sanitario e di grande degrado. La nostra linea è quella dell’Europa in questo caso: chiudere le baraccopoli e con i loro stanziamenti – la trasparenza sulle risorse utilizzate e le modalità, deve essere massima – mandare a scuola i bambini e a lavorare gli adulti.

Quindi ricollocando gli abitanti di queste baraccopoli in case comunali o sul mercato privato?

L’obiettivo è superare la situazione dei campi, affinché chi ha intenzione di integrarsi nella società possa farlo a parità di doveri e diritti, come prevede l’Europa, linee che noi vorremmo seguire del tutto.

asl sanitaSanità. Abbiamo avuto grossi problemi di gestione e visto la chiusura di alcune strutture come l’oftalmico. Come agirebbe lei in qualità di sindaco, per evitare la eventuale perdita di diritti sanitari ai cittadini?

Questo è un tema regionale e il comune ha un potere “limitato”. I nostri consiglieri tuttavia, si sono battuti contro quella chiusura, per la sua storia e per le sue competenze: chiudere un presidio del genere senza avere una degna alternativa è miope e, dal nostro punto di vista, una scelta assolutamente da contrastare. Come sindaco, che può esercitare una certa influenza sulla Regione, ci batteremo affinché vengano garantiti i servizi per i cittadini che al momento sono già carenti.

Torino e il turismo. Merito dell’amministrazione Chiamparino-Fassino?

Penso che la vocazione turistica della città sia nata prima, l’intuizione ci fu già negli anni ’90 con Castellani che, per rispondere alla crisi industriale Fiat, propose questo obiettivo. Tuttavia credo che turistiquesto non sia sufficiente a rilanciare la città: penso si debba ripartire dalle piccole e medie imprese, immagino di poter esportare i nostri saperi: quelli della ricerca universitaria e delle piccole e medie imprese. Ci sono realtà interessanti come ICxT, che mette insieme dieci diversi dipartimenti e producono progetti interessanti per le nostre imprese, come il caso Carioca.

Torino ha un’altissima disoccupazione giovanile e vi è uno scollamento netto tra Università e mondo del lavoro…

Come prima proposta appena candidata ho parlato di un fondo da cinque milioni di euro per inserire i giovani nelle piccole e medie imprese, mettendo al centro dell’agenda politica due grandi temi: quello della disoccupazione giovanile, per non perdere la nostra futura classe dirigente e quello delle imprese del nostro territorio, che hanno lunghe storie e molte competenze e possono formare i nostri giovani. La città deve essere la cabina di regia delle interazioni di questi due soggetti. Formare un giovane nelle nostre Università (che son di qualità) e poi vederlo fuggire, è una sconfitta per l’amministrazione ma anche per tutti noi.

Quando ho chiesto agli altri candidati cosa pensassero di Chiara Appendino come candidata, quasi tutti hanno dichiarato che la ritengono una persona degna, ma temono la sua carenza di esperienza rispetto ad altri e il gruppo politico, poco unito ed eterogeneo che la sostiene. Cosa risponde a queste critiche?

Sul mio essere più giovane mi pare chiaro che la differenza in questi casi non la fa l’età, ma le idee che si possiedono, i progetti che si intendono realizzare e la squadra. Ho alle spalle cinque anni al Comune e sono tra i fortunati giovani che hanno potuto avere esperienze di lavoro, anche nell’impresa di famiglia e nell’insieme la mia esperienza mi ha permesso di crescere e capire i bisogni della mia città. Accanto a me sto costruendo la mia squadra attraverso una scelta innovativa: non persone chiamate al mio fianco per amicizia o convenienza, ma per merito e competenza. Gli assessori sono scelti attraverso un bando.

Un metodo contestato da molti…

perna foto mole 2Credo che molte persone con grandi qualità in questa città non siano stati messi nella condizione di poter emergere, a causa delle solite logiche politiche. Facciamo in questo modo, un ulteriore passo verso la trasparenza nei confronti degli elettori che in questo modo sapranno perché e chi sono le persone della mia squadra, che lavora a stretto contatto con il sindaco. Sono convinta che a Torino serva un’apertura al merito e al cambiamento e penso che noi abbiamo sufficiente esperienza e capacità per poterlo fare, oltre che la volontà. Punto. Torino riparte.

In ultimo: un commento sull’istanza al Tar che porta la tua firma e quella di Bono, riguardo le Liste del Grillo – No Euro, che ancora una volta cercano non solo di confondere gli elettori, ma che addirittura li prendono in giro inserendo persone decedute negli elenchi…

Ritengo scandaloso che si giochi sui cittadini con queste liste civetta, che creano volutamente confusione e che mancano di rispetto alla democrazia stessa. Raccogliere poi firme di persone decedute è addirittura incommentabile. Tutto ciò è quanto di più distante dalla nostra politica ed è triste che tutte le volte si debba parlare di firme false… poi ci si chiede perché le persone non vanno a votare e non credono nell’amministrazione. Noi vogliamo dialogo e fiducia con i cittadini, vogliamo coinvolgerli e consultarli sui temi che li riguardano da vicino: vi sono poche risorse, ma questo non è un buon motivo per lasciare da solo il cittadino e farlo sentire abbandonato. Se dovessimo vincere, vorremmo inserire un’assicurazione per i cittadini derubati o scippati, di modo che possano ricevere un massimale dalla città. Perché? Perché in un momento di difficoltà l’amministrazione deve far sentire la sua voce, non per soffocare quella della cittadinanza, ma per rispondere alle sue esigenze concretamente e simbolicamente.

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE