Home » prima pagina » Un altro anno di cassa integrazione a Mirafiori, è l’ora della riscossa targata suv Levante
MENTRE MARCHIONNE MIETE SUCCESSI IN EUROPA E NEGLI USA SI ATTENDEVANO NOTIZIE RASSICURANTI PER IL FUTURO DELLO STORICO STABILIMENTO TORINESE

Un altro anno di cassa integrazione a Mirafiori, è l’ora della riscossa targata suv Levante

di ilTorinese pubblicato mercoledì 29 luglio 2015

MIRAFIORI FACCIATA

Non che gli ammortizzatori sociali siano indice di particolare vivacità aziendale, ma questa era la premessa necessaria per la ripartenza della fabbrica torinese

 

Fiat, se ci sei ancora a Torino, batti un colpo. In molti sotto la Mole attendevano un segnale per il rilancio di Mirafiori. Se la finanziaria di casa Agnelli, la Exor, ha grandi progetti internazionali con l’acquisizione di quoter del prestigioso quotidiano The Economist e Sergio Marchionne sta andando alla grande in Europa e negli Usa, a piangere è sempre Torino, orfana della sua azienda principe. Ora Fim, Uilm, Fismic, Ugl e Associazione Quadri hanno siglato  l’accordo con Fca, nella sede dell’assessorato regionale al Lavoro, per un altro anno di cassa integrazione straordinaria a Mirafiori. Non che gli ammortizzatori sociali siano indice di particolare vivacità aziendale, ma questa era la premessa necessaria per la ripartenza dello storico stabilimento. La Fiom – più dura e più pura – incontrerà separatamente azienda e Regione dato che gli altri sindacati non hanno voluto un tavolo unico. La cigs per riorganizzazione, inizierà il 28 settembre, e consentirà all’azienda di completare l’allestimento delle linee per nuovo il suv Levante.