Home » vetrina2 » “Anna che custodì il giovane mago”
STORIA DEL XVI SECOLO

“Anna che custodì il giovane mago”

di ilTorinese pubblicato martedì 25 aprile 2017

Sabato 29 aprile si terrà a Casale Monferrato la prima presentazione assoluta dell’ultimo romanzo dell’autrice Maura Maffei che si intitola “Anna che custodì il giovane mago”, edito per i tipi della casalese Edizioni della Goccia di Davide Indalezio. L’evento, che è patrocinato dall’Associazione Santa Caterina Onlus, comincerà alle ore 17,30 e avrà carattere per così dire itinerante. Si partirà infatti con una prima parte presso il Palazzo di Anna d’Alençon, per proseguire alla vicina Chiesa di Santa Caterina, dove farà gli onori di casa la presidente dell’Associazione Santa Caterina Onlus, Marina Buzzi Pogliano. Gli altri relatori, con cui Maura Maffei dialogherà, saranno i giornalisti Luigi Angelino e Massimo Iaretti, autori rispettivamente della prefazione e della postfazione del romanzo, e l’archivista Manuela Meni.

La presentazione del romanzo, che si svolge nel XVI secolo tra Casale e Crea e che ha come protagonista la marchesa Anna d’Alençon, coinvolgerà più arti perché ci saranno anche danze e musiche dal vivo. Le coreografie sono state create apposta per l’occasione da Nadia Pisano della scuola di danza “Arabesque” e le ballerine che si esibiranno sono le allieve Alessia Giarola, Martina Cavanna e Sofia Paduano. Si esibirà inoltre l’ensemble strumentale “L’Opera dei Ragazzi” diretto dalla violoncellista Erika Patrucco, con Alessia Cappellari, Elisa Raccozzi e Klaudia Shima che eseguiranno brani d’epoca. L’attrice Ivana Volta leggerà in anteprima per il pubblico alcuni estratti del romanzo e saranno presenti i cavalieri della Compagnia d’arme “Lance del Monferrato”, Stefano Fracchia, Roberto Ciriaco Morano, Nazareno Ceschin e Stefano Ruggeri, in costumi rinascimentali, che hanno partecipato alla realizzazione della copertina del libro. Ci sarà soprattutto Maria Vittoria Amelotti, studentessa casalese che ha interpretato Anna d’Alençon per la foto di copertina, acconciata “alla ferronière” anche questa volta da Silvana Lanza, e che indosserà di nuovo per il pubblico lo splendido abito creato da Marisa Giachero di Pinerolo.

Si segnala che parte del ricavato delle vendite del libro sarà devoluto per il restauro della chiesa di Santa Caterina, autentico gioiello artistico e architettonico della città di Casale.

 

 

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE