Home » LIFESTYLE » All’Erba “Doppio sogno” da Schnitzler, un tradimento solo fantasticato
REPLICHE SINO A DOMENICA

All’Erba “Doppio sogno” da Schnitzler, un tradimento solo fantasticato

di ilTorinese pubblicato giovedì 11 febbraio 2016

DOPPIO SOGNO TEATROTratto da un racconto breve scritto nel 1925, già preso a prestito da Stanley Kubrick per l’ultima sua opera (datata 1999), “Eyes Wide Shut”, interpretata da Nicole Kidman e Tom Cruise, la commedia è ambientata in una Vienna piena di neve eppure caldissima

 

Il regista Giancarlo Marinelli così spiega la nascita del progetto: “Dopo il grande successo delle due stagioni di repliche di “Elephant Man”, cercavo un testo che possedesse una caratteristica: darmi la possibilità, come drammaturgo e come regista, di creare personaggi multipli per i miei attori; un testo che fosse già teatro multiplo. Dove la storia fosse tante storie; dove la verità fosse tante verità; e dove, finalmente l’amore, la morte, il senso di colpa, il peccato e il riscatto, affiorassero prepotentemente tutti insieme”. Così è nato Doppio sogno, che debutta stasera all’Erba (repliche sino a domenica). Tratto da un racconto breve di Arthur Schnitzler, scritto nel 1925, già preso a prestito da Stanley Kubrick per l’ultima sua opera (datata 1999), “Eyes Wide Shut”, interpretata da Nicole Kidman e Tom Cruise, la commedia è ambientata in una Vienna piena di neve eppure caldissima. Il protagonista riceve un giorno la confessione della moglie Albertine, il ricordo dell’estate passata, la presenza di un giovane uomo sulla spiaggia, “se mi avesse chiamato non avrei potuto oppormi, sarei stata pronta a sacrificare te, la nostra bambina, il nostro futuro…”. Un tradimento solo fantasticato, che fa breccia dolorosamente nella vita di una coppia, di un uomo e di una donna che si ritroveranno come smarriti ma altresì innamorati più di prima. Il testo è ancora l’occasione, sottolinea Marinelli, per raccontare i crimini, anche solo della fantasia, che attentano ogni giorno alla felicità della coppia, per mettere in scena la follia di quanti sono convinti che il dolore che subiamo altro non sia che la meritata punizione per l’abbandono e il tradimento di chi ha scelto di appartenerci per sempre. Con le scene curate da Andrea Bianchi e le musiche di Roberto Fia, in palcoscenico Ruben Rigillo, Caterina Murino (ex Bond girl di “Casino Royal” a fianco di Daniel Craig), Ivana Monti nelle vesti di una possessiva quanto saggia figura materna e Rosario Coppolino.

 

(el. ra.)