Home » POLITICA » AGRICOLTURA «IL PSR PIEMONTE COSI’ NON VA, OCCORRE AIUTARE CHI LAVORA»
«Troppi gli esclusi dai finanziamenti»

AGRICOLTURA «IL PSR PIEMONTE COSI’ NON VA, OCCORRE AIUTARE CHI LAVORA»

di ilTorinese pubblicato giovedì 29 dicembre 2016

gancia gLa presidente leghista Gianna Gancia critica le scelte della Regione sull’assegnazione dei fondi europei 

 

Due nuove interrogazioni all’assessore regionale all’Agricoltura, Giorgio Ferrero, sono state presentate dalla presidente del gruppo Lega Nord in Consiglio regionale del Piemonte, Gianna Gancia, preoccupata per l’andamento del nuovo Piano di sviluppo rurale: «Il Piemonte – osserva Gianna Gancia – si posiziona agli ultimi posti nella graduatoria della Rete rurale nazionale sullo stato di avanzamento dei Psr, preceduto addirittura da Regioni meridionali storicamente molto lente a spendere le risorse comunitarie. Le rassicurazioni dell’assessore non ci convincono, perché in questi mesi nulla è cambiato: l’Arpea, ente pagatore della Regione, è sballottato da un direttore all’altro, le associazioni di categoria agricole protestano invano per l’elevato numero di aziende tagliate fuori dai finanziamenti, mentre il Veneto e le altre Regioni dirette concorrenti del Piemonte producono investimenti e progetti in ogni direzione, agricolturasoprattutto verso i giovani».

Secondo la presidente leghista, le esclusioni sono “oltremodo gravi proprio per quanto riguarda le domande di miglioramento aziendale presentate da giovani agricoltori in zona di pianura, con l’impossibilità per la maggior parte di quelli che hanno ottenuto il premio di insediamento di effettuare i correlati investimenti aziendali”.

«La stragrande maggioranza delle domande presentate per l’operazione attinente alla “produzione integrata” – rileva ancora Gianna Gancia – risulta collocata nella parte non finanziabile della graduatoria e quindi esclusa dai benefici del Psr, con ciò mancando di cogliere l’obiettivo proprio delle misure agroambientali, cioè di indurre le aziende ad adottare comportamenti virtuosi, specie nelle aree dove le criticità ambientali legate all’uso dei fitofarmaci e dei fertilizzanti sono maggiori».

La presidente leghista ha chiesto alla Giunta regionale se non ritenga di mettere a disposizione ulteriori risorse, in particolare riguardo alle misure agroambientali, procedendo ad una revisione della tabella finanziaria del Psr con la decurtazione dei fondi assegnati a misure che hanno dimostrato di non rispondere alle esigenze delle imprese agricole.