Home » LIFESTYLE » “Accordi Disaccordi”: dal Busking a Umbria Jazz
TALENTI MUSICALI

“Accordi Disaccordi”: dal Busking a Umbria Jazz

di ilTorinese pubblicato domenica 13 settembre 2015

accordi disaccordi

Torino è da sempre fucina di talenti musicali e di opportunità per chi sa creare musica. Un Conservatorio di grande livello, festival di grande prestigio internazionale (da MITO al Torino Jazz Festival fino all’ultimo nato TODAYS) e locali dove crescono e si sviluppano nuove realtà musicali. Un crogiuolo di attività nate dalla passione che fa ben sperare per un rilancio culturale della città. Rilancio che si basi anche, ma non solo, sui grandi eventi ma che ponga attenzione su quanto di nuovo sta nascendo. È in questo effervescente contesto che, con immenso piacere, incontriamo Alessandro Di Virgilio e Dario Berlucchi, leaders di “Accordi Disaccordi”, che hanno saputo coniugare talento e volontà, diventando una delle nuove realtà musicali più interessanti.

 

Dalla strada ad Umbria Jazz il passo è davvero lungo: che emozioni avete vissuto in Umbria?


Dario: L’esperienza di Umbria Jazz è sicuramente una delle più importanti per noi Accordi Disaccordi e il fatto che sia capitata proprio durante il tour di presentazione del nuovo album “Swing Avenue” è molto importante e significativo per noi. L’aspetto interessante di questa esperienza è che non abbiam certamente rinunciato ad esibirci in versione “busking”, per le strade, ma abbiamo affiancato questo modo di esprimerci e di proporre la nostra musica a quella offertaci dagli organizzatori del festival con numerosi live sul restaurant stage dell’Arena Santa Giuliana, in apertura a quasi tutti i concerti principali, e a quelli sul palco dei Giardini Carducci. Possiamo vantare l’onore di essere una delle prime band ad aver suonato di giorno per le strade e la sera sui palchi ufficiali: certamente un’emozione incredibile!

 

Alessandro: Da un punto di vista umano è stata altrettanto importante: conoscere così tante persone che vivono di musica e di jazz, chiaccherarci, mangiarci fianco a fianco e soprattutto ascoltare i loro commenti e suggerimenti non ha fatto altro che stimolare la nostra volontà di vivere di queste esperienze ogni momento della nostra vita artistica.

 

Un passo indietro: Come è nato il vostro sodalizio?


Dario: È il cinema a far scattare in noi il desiderio e la voglia di cimentarci con un certo tipo di genere musicale. Alessandro era già addentro al mondo jazz (come studente jazz al Conservatorio di Torino) e conosceva a grandi linee la storia di Django Reinhardt, mentre io (Dario) provenivo da un ambiente più pop/rock.  La visione del film “Sweet and Lowdown” (“Accordi e Disaccordi” in italiano), che narra la “romanzata” vita di Django, ci ha fatto conoscere, con occhi diversi, il personaggio e ci ha aperto un mondo nuovo: è in quel momento che abbiamo deciso di confrontarci con un certo genere di musica e, ovviamente, nel voler studiare a fondo quanto avesse fatto questo grande chitarrista. Io e Alessandro ci conoscevamo da parecchio tempo e abbiam sempre suonato insieme nel tempo libero e con altre formazioni… forse attendevamo solo il segnale giusto per partire con un nostro progetto comune. Dopo mesi di studio e prove abbiamo deciso di registrare una piccola demo con 3 brani (“Bistro Fada”, “Tu vuo’ fa’ l’americano” e “Goodnight Moon”) e, comprato un piccolo amplificatore, di buttarci nella mischia: con una prima importante prova per le strade di Londra.

 

A parte Umbria Jazz. Quali sono state le tappe più importanti nel vostro percorso artistico?


Alessandro: sicuramente considero importanti per il nostro percorso i due tour in Russia (stiamo già organizzando il terzo, tra pochi mesi) con un successo di pubblico e critica enorme. Interi teatri o bellissimi locali pieni all’inverosimile, standing ovation, un trattamento da star, incontri con musicisti e personaggi incredibili ci hanno dato una carica enorme e sicuramente meritano un posto speciale nella nostra sala delle memorie.

 

Dario: i primi concerti per le strade di Londra, Bruxelles e Torino sono certamente un momento importante del nostro percorso artistico. Confrontarsi, fin da subito, con un pubblico così eterogeneo e invadendo il loro spazio con la nostra musica ci ha fatto ricevere dei riscontri incredibili: il busking regala sempre queste emozioni. Aggiungerei, tra i ricordi speciali, anche i live per la rassegna manouche del Torino Jazz Festival 2015 a cui abbiamo partecipato anche come organizzatori, insieme all’Associazione Jazz Manouche Django Reinhardt di Torino.

 

Nel vostro percorso  avete dei maestri a cui dovete una particolare riconoscenza?


Dario: beh, il primo grande e unico maestro è Django Reinhardt… è proprio il caso di dire che nulla sarebbe stato possibile senza di lui e la sua musica. Tra i musicisti moderni amiamo in particolar modo Adrien Moignard e Gonzalo Bergara: il primo è stato nostro ospite della rassegna manouche del #TJF2015, il secondo lo vedrete molto presto qui in Italia… ma non possiamo anticiparvi nulla, ci stiamo lavorando.
A loro modo tutti i musicisti che siam soliti ascoltare hanno il ruolo di maestri: in questo ambito è un continuo confrontarsi con gli altri e possiamo dire con assoluta certezza che tutti, nessuno escluso, ha qualcosa da insegnare. Noi siam felici di poter viaggiare e suonare in ogni dove anche per questo motivo.

 

Che ne pensate del mondo musicale italiano oggi?


Alessandro: parlando di jazz credo che l’Italia sia una grande fucina di artisti interessanti e Torino, con la sua storia e tradizione, propone sempre artisti incredibili. Avendo frequentato il Conservatorio di Torino sono cresciuto musicalmente (e non) con insegnanti/artisti come Emanuele Cisi, Bebo Ferra, Dado Moroni, Luigi Tessarollo, Giampaolo Casati e tanti altri… credo che l’Italia sia un bel paese dove crescere musicalmente.

 

Dario: mi aggiungo a quanto detto da Alessandro e mi piacerebbe poter nominare tutti quei musicisti o gruppi che, sia in passato che in questi ultimi anni, stanno tracciando la storia di una nuova generazione di musicisti italiani, ma sono davvero troppi e potrei dimenticarmene qualcuno. Insomma, siamo felici di viverci questo momento e di poterlo fare anche qui nel nostro paese!

 

In Italia è più facile o più difficile fare musica per formazioni come la vostra?


Alessandro: dipende dalle situazioni. Non possiamo negare che ci siano delle eccellenze come l’Umbria Jazz e i tanti altri festival della Penisola (anche il nostro caro Torino Jazz Festival) che si affiancano a situazioni meno rosee, ma ci sembra stiano nascendo nuove e interessanti opportunità. Noi ci reputiamo fortunati perchè abbiam potuto confrontarci con tante diverse esperienze e abbiam saputo tirar fuori il meglio da ciascuna di esse, nel bene e nel male. Forse quello che non aiuta a migliorare è la burocrazia, ma non conosciamo la situazione negli altri paesi.

 

Dario: ovviamente ci son capitate situazioni spiacevoli qui in Italia, soprattutto agli inizi, ma siamo convinti di poter dire che ormai si sta sviluppando una rete di realtà molto interessanti e interessate a proporre buona musica. Noi ne stiam conoscendo parecchie: dai piccoli locali ai Jazz Club più organizzati passando per i festival, quello che davvero aiuta è la volontà degli organizzatori. Quello che forse andrebbe ripensato è la possibilità di suonare per le strade delle nostre magnifiche città: non sempre c’è un regolamento chiaro e, talune volte, si deve correre il rischio pur di proporsi in certe piazze. Il palcoscenico che offrono le nostre città è davvero unico al mondo e andrebbe sfruttato al meglio, creando anche una consapevolezza diversa tra noi artisti (di strada e non).

 

Quanti album avete pubblicato? È stato difficile?


Dario: gli album pubblicati son due: “Bouncing Vibes” e “Swing Avenue”. Il primo uscito nel 2013 e il secondo il 29 maggio scorso. Non è stato difficile produrli, forse perchè abbiamo curato noi stessi ogni particolare e dettaglio: il desiderio di produrre qualcosa che ci rispecchiasse davvero è certamente un motivo in più per non sentirne le fatiche. Sono entrambi lavori che sentivamo di dover registrare e quindi, anche in quel caso, è stato tutto piuttosto naturale.

 

Alessandro: “Swing Avenue”, il nostro ultimo album, è il risultato di mesi di lavoro e registrazioni e ne siamo davvero orgogliosi. Siamo riusciti a coinvolgere diversi altri musicisti (Emanuele Cisi e Giacomo Smith su tutti) e crediamo che il sound rappresenti davvero quello che siamo: un connubio di ispirazioni, idee e suoni che ruotano attorno all’idea di swing, jazz e manouche che ci piace proporre. Ascoltatelo online gratuitamente: eccovi il link http://www.accordidisaccordi.com/swingavenue

 

Il futuro prossimo cosa riserverà?


Alessandro: abbiamo già parecchie novità in cantiere, a partire da settembre: festival, concerti e progetti culturali a cui stiamo lavorando da mesi. Noi speriamo sempre di essere sorpresi con opportunità sempre nuove: ci piace pensare che questa “Swing Avenue” sia infinita.

Dario: questo 2015 ci ha talmente riempito di gioia e novità che non sappiamo davvero cos’altro aspettarci… ma, come dice Alessandro, amiamo le sorprese!

 

Per chi vuole approfondire ecco dove potete recuperare altre news. E non perdete la possibilità di ascoltare il nuovo album:
 
http://www.accordisaccordi.com
http://www.facebook.com/AccordiDisaccordi
Speciale “Swing Avenue” http://www.accordidisaccordi.com/swingavenue