Home » vetrina11 » A TORINO ‘ZERO’ AZZERA LE BOLLETTE E ASSUME INFORMATICI PER CRESCERE
Nasce il primo social utility network

A TORINO ‘ZERO’ AZZERA LE BOLLETTE E ASSUME INFORMATICI PER CRESCERE

di ilTorinese pubblicato giovedì 3 agosto 2017

Idea rivoluzionaria di un ingegnere di Pianezza che crea risparmio e lavoro, abbattendo i costi pubblicitari

 

A Torino, ora, è possibile azzerare le bollette di gas, luce e telefono. In barba alla guerriglia pubblicitaria in atto – a colpi di costosi testimonial lautamente pagati dai cittadini – tra i grandi player del mercato. Si chiama ‘ZERO’ il primo social utility network capace di offrire agli utenti un risultato sinora storicamente insperato, che mira a diventare partner unico, affidabile e privilegiato, dei consumatori italiani. Oltre ad offrire loro nuove, solide, e concrete opportunità di lavoro.

Un progetto avanguardistico, frutto dell’estro di Cristiano Bilucaglia, pianezzese, talentuoso ingegnere biomedico e informatico piemontese che vanta un curriculum di tutto rispetto. Già insignito, a fine 2015, del prestigioso riconoscimento di ‘Imprenditore dell’Anno’, é anche l’ideatore dell’EuroCredito, la prima moneta complementare italiana sperimentata con successo in VisioTrade Spa, materia per la quale Bilucaglia è stato più volte relatore unico di riferimento sul tema anche alla Camera dei Deputati. Da sempre vicino alle esigenze della gente comune, ha fondato nel 2005 a Collegno anche la prima compagnia telefonica nazionale (oltre 50.000 clienti) interamente piemontese, la ‘Digital Broker’, verificata ‘Azienda Consumer Friendly’ dal Comitato Regionale del Piemonte dell’Unione Nazionale Consumatori, dal 1955 a oggi la più antica e autorevole associazione consumeristica italiana. Marchio della neonata startup Ubroker Srl, “ZERO è stato concepito come una risposta definitiva nel settore delle utilities in termini di risparmio concreto per i consumatori. Al di là delle promesse e delle offerte presenti sul mercato, grazie al nostro progetto è possibile ottenere molteplici vantaggi a fronte dell’impegno in qualche misura, o azione da parte dei clienti, a favore della diffusione dell’azienda e della realtà di business a essa correlata”, spiega Cristiano Bilucaglia. “Si parte infatti dal principio dei social netswork: questi ultimi prevedono infatti un insieme di amici all’interno di una medesima comunità. Ciascuno di essi, promuovendo ‘ZERO’, viene premiato con sconti in bolletta in base al fondamentale assunto, non solo economico ma anche e soprattutto sociale, dato il momento storico in atto, che la condivisione reiterata e diffusa genera risparmio e benessere per tutti: privati, micro, piccola e media impresa (PMI), queste ultime punta di diamante del tessuto economico italiano, ma anche condomini e attività di pubblico servizio”, aggiunge Cristiano Bilucaglia, Presidente di Ubroker Srl. Un dato su tutti: “Sul versante del totale clienti attivati – prosegue Bilucaglia – circa 7.000 a fine 2015, 20.000 nel 2016 con la previsione di toccare 40.000 utenti complessivi nel 2017, mentre il totale tempo medio azzeramento bolletta varia dai 6 agli 8 mesi per i clienti-collaboratori più virtuosi. Gli utenti che hanno ricevuto sconti significativi superiori al 50% si avvicinano ai 1.000: hanno già azzerato la quota energia, stanno andando ora a erodere progressivamente la quota accise e tasse delle proprie bollette”.

***

Le regioni che hanno già adottato in massa ‘ZERO’? “Veneto, Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte, Friuli Venezia Giulia. Le altre stanno già producendo molteplici adesioni”, dichiara entusiasta Cristiano Bilucaglia. Così il professor Alessandro Meluzzi, il noto psichiatra e studioso torinese, sull’innovativa start-up: “Social network è un doppio concetto. Da una parte ci dice che l’informazione circola e circola liberamente, e pensare di fermarla sarebbe come fermare l’aria con le dita perché l’informazione è libertà. Ma l’informazione non è soltanto libertà di…, ma anche libertà da. Dalle costrizioni, ma anche dai bisogni. Di qui il concetto di social. Cioè il fatto che siamo immersi in una rete comunitaria in cui il benessere di ciascuno è condizione del benessere degli altri. Allora in questa iniziativa si realizza il massimo delle potenzialità di una tecnologia veramente finalizzata ai bisogni dell’umano”. ‘ZERO’, oltre che di risparmio, è anche sinonimo di nuove e concrete opportunità di lavoro per i giovani in cerca di occupazione: “Siamo avviati al taglio del traguardo dei 20 milioni di euro di fatturato entro la fine dell’anno – prosegue Bilucaglia – e a luglio 2017 abbiamo ampiamente superato quota 11 milioni. Vogliamo potenziare la nostra squadra per continuare a fare di meglio, e di più. Il Nostro Ufficio Risorse Umane ricerca infatti informatici specializzati per ampliare le nostre piattaforme. Per candidarsi alle selezioni, è necessario inviare il proprio CV in formato europeo via mail all’indirizzo marketing. Il responsabile del procedimento è il nostro Responsabile Marketing, Marco Scaiella, cui vanno indirizzate le domande all’indirizzo di posta elettronica job.web20@ubroker.it. Inoltre, prosegue l’ampliamento continuo e costante anche della rete vendita di ‘ZERO’. Per candidarsi a queste posizioni, invece, la mail di riferimento è marketing@sclegozero.it”.