Home » Brevi di cronaca » A giudizio ex parroco della Gran Madre per il conto in Svizzera da due milioni
Con suo fratello il sacerdote è accusato di appropriazione indebita

A giudizio ex parroco della Gran Madre per il conto in Svizzera da due milioni

di ilTorinese pubblicato mercoledì 30 gennaio 2019

Il giudizio immediato per don A.M, per trent’anni parroco della chiesa della  Gran Madre di Dio, è stato chiesto dalla procura della repubblica di Torino.  Con suo fratello il sacerdote è accusato di appropriazione indebita, poiché per anni avrebbe versato le offerte dei fedeli su un conto a lui intestato in una banca svizzera, per un totale di 2,4 milioni di euro. Quando è andato in pensione la somma è però apparsa su un conto della parrocchia. I legali del sacerdote dicono che tutto è stato fatto legalmente e che lui non ha mai toccato i soldi delle donazioni.

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE