Home » LIFESTYLE » Presepe, il significato del Natale
un sincero e meditato sentimento religioso del docere delectando

Presepe, il significato del Natale

di ilTorinese pubblicato venerdì 21 dicembre 2018

DAL PIEMONTE / Presepio di Oltreponte, Casale Monferrato Parrocchia Assunzione di Maria Vergine

Il presepe, povero o sontuoso, in qualsiasi materiale, rappresenta il vero significato del Natale, di primaria importanza rispetto alla frenesia del regalo e degli addobbi luccicanti, lusinghe del periodo natalizio consumistico che, pur segno di festa gioiosa, ne snaturano la dimensione spirituale. La rappresentazione presepiale della nascita di Gesù, iniziata nel 1223 da san Francesco, animata da persone e animali viventi, divenuta inanimata sul finire del secolo con le pregevoli sculture di Arnolfo di Cambio, fa principalmente parte della tradizione religiosa cristiana ma è anche pregna di altre valenze, culturali, storiche, etiche, sociali e, a volte, estetiche. A conferma che la linea di demarcazione tra artigianato artistico e arte vera e propria, in certi casi, sia molto flebile, indicativo è il presepe esposto nella Parrocchia

Assunzione di Maria Vergine a oltreponte di Casale Monferrato, tripudio di colori e particolari, ispirato ai modelli napoletani settecenteschi interpretati in un modo personalissimo che lo rende unico. Gli artefici di tale capolavoro di idea e capacità manuale, in clima di realismo e al tempo stesso di magia, sono Beppe Puglia, esperto di costumistica, e don Renato Della Costa, parroco della chiesa. Don Renato crea suggestive scenografie, i simbolici “scogli”, grotte, ponti, pozzi, osterie, interni di case in cui fa vivere le statuine non precostruite ma forgiate (tranne i visi e gli arti procurati a san Gregorio Armeno) da Beppe Puglia che le riveste in abiti creati ad hoc per ogni personaggio con stoffe, passamanerie e pizzi d’epoca. Il risultato è stupefacente nel riportare in vita la teatralità del presepe barocco ma va ben oltre la mera spettacolarità e il semplice fine della meraviglia poiché è frutto di un sincero e meditato sentimento religioso del docere delectando da parte degli autori che si propongono, in primo luogo, di “sviluppare un percorso che permetta di vivere il Natale dalla sua Annunciazione alla fuga in Egitto” rendendolo accessibile a tutti.

Il presepe è visitabile fino al 31 gennaio

Orari: visite guidate sabato e domenica ore 16-17-18.

Visite individuali tutti i giorni dalle 15 alle 18.

Giuliana Romano Bussola

 

 

 

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE