Home » LIFESTYLE » Il gelato, dolce tradizione torinese
Una selezione di gelaterie all’ombra della Mole

Il gelato, dolce tradizione torinese

di ilTorinese pubblicato martedì 29 maggio 2018

Anche se la primavera tarda ad arrivare e le temperature sono al momento decisamente autunnali la stagione del gelato è ufficialmente iniziata. Le gelaterie praticamente deserte in inverno, se non per qualche amatore o cultore appassionato, si sono rianimate ed è facile trovare la coda per acquistare un cono o una coppetta.

Questo dolce alimento risultato di una miscela di ingredienti ben amalgamati, soffice, freddo al punto giusto, fonte di sollievo durante le stagione calda ma soprattutto origine di gusto e appagamento del palato, è il simbolo del risveglio, della fine delle giornate brevi e buie e dell’avvio della bella stagione che promette sole, vacanze e nuova energia.

Torino ha un legame forte con il gelato e rappresenta una parte importante della tradizione e della storia di quello artigianale italiano, nel 1884 ha visto infatti l’apertura della Gelateria Pepino, tuttora in attività e gettonatissima, a cui si deve il brevetto nel 1939 del primo gelato ricoperto su stecco.

Ecco una selezione di gelaterie da visitare, saporite proposte per un ottimo gelato all’ombra della Mole:

 

Siculo Via San Quintino 31 colorata e accogliente, personale gentilissimo, gelato, granite, dolci, anche glutin free. La brioche assolutamente da provare.

 

Gatsby’s Via Marcello Soleri 2 (angolo via Lagrange) un bel bar centrale, un gelato di qualità, vellutato e morbido.

 

Tamborini Via Garibaldi 31 la tradizione della pasticceria a Torino, un gelato al cioccolato buonissimo servito nella coppa in acciaio di una volta seduti in una delle strade più famose di Torino.

 

Niva’ gusti legati alla stagionalità delle materie prime in un ambiente essenziale ed elegante – Via Lagrange 29, Corso Alcide De Gasperi 8 e Piazza Vittorio Veneto 8.

 

Più di un gelato Galleria Subalpina 32 croccante alla gianduia, stracciatella al caffè, fior di menta. Mai coloranti né conservanti, attenzione per l’ambiente, amore per il territorio.

 

Maria La Barbera

 

 

 

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE