Home » prima pagina » Il valore del 25 aprile
I protagonisti di allora si batterono perché tutti si potesse diventare e restare uomini e donne liberi

Il valore del 25 aprile

di ilTorinese pubblicato mercoledì 25 aprile 2018

Si celebra oggi il 73° anniversario del giorno della Liberazione,  una ricorrenza importante che ha rappresentato per l’Italia il momento della rinascita. La mia generazione ha avuto una grande fortuna: quella di poter venire direttamente a contatto con i racconti di coloro che avevano assistito alla tragedia della dittatura fascista, alla guerra, all’8 settembre, all’occupazione tedesca, alla Repubblica di Salò, alle imprese coraggiose e spesso disperate della Resistenza fino all’arrivo degli alleati ed alla Liberazione, un momento catartico di rabbia e di gioia, di orgoglio e di forza. Noi non abbiamo imparato la storia contemporanea soltanto attraverso i libri, ma soprattutto tramite la testimonianza di chi ne portava il ricordo impresso nella mente, trasmettendoci, riguardo al 25 aprile, un messaggio di speranza e di rinascita che ancora custodiamo gelosamente nei nostri ricordi, affiancato dalla memoria di coloro che diedero la vita per la libertà di tutti. La Resistenza si espresse in molti modi. Ne furono protagonisti gli operai che scesero in campo contro la dittatura nel marzo 1943, astenendosi dal lavoro; i militari che, dopo l’8 settembre si opposero alle forze che volevano sopraffarli e i civili che, in tante città, decisero di unirsi a loro.

***

Fu Resistenza quella di centinaia di migliaia di militari deportati che preferirono una durissima prigionia al ritorno in Italia al servizio di una dittatura. Fu anche Resistenza la spontanea mobilitazione di tutto il popolo, a partire dalle donne, per salvare e proteggere militari e civili alla macchia, prigionieri alleati evasi dai campi di prigionia, ebrei perseguitati e minacciati di sterminio. E fu punta avanzata della Resistenza la lotta armata delle unità partigiane nelle città, nelle pianure, nelle montagne, nelle nostre valli dove molti giovani rifiutarono di arruolarsi nell’esercito della Rsi ed entrarono nei movimenti partigiani, sacrificando spesso la propria vita per permettere all’Italia di riconquistare l’indipendenza e la dignità di Patria. Sarebbe bello ed importante che i nomi dei caduti non restassero soltanto segni incisi sulle lapidi, ma che venissero ricordati, senza indulgere nella retorica, come esempio per le generazioni future, come punto di partenza per affrontare i problemi del presente con quello stesso spirito e con quella stessa forza.

***

Spesso ai più giovani gli eventi che si celebrano il 25 aprile rappresentano qualcosa di molto lontano nel tempo, una memoria sfocata, sbiadita come una vecchia foto. Occorrerebbe far comprendere che festeggiare il 25 aprile equivale a ribadire l’importanza della lotta di Liberazione come origine dell’Italia contemporanea e che i protagonisti di allora si batterono perché tutti si potesse diventare e restare uomini e donne liberi. Libertà , dignità e senso di giustizia conquistate a caro prezzo, con grandi paure, rischi e tanto dolore. Il 25 aprile è un ricordo attuale se mantiene  vitali gli ideali che animarono la lotta di liberazione: libertà e giustizia, binomio inscindibile perché non c’è vera libertà senza giustizia, né vera giustizia senza libertà.Cosa sarebbe successo se in Italia non ci fosse stata la Resistenza –  di qualsiasi tipo, civile, militare, attiva e passiva – e se la guerra di liberazione fosse stata condotta soltanto dall’esercito vittorioso degli alleati anglo-americani.

***

La fine dell’incubo avrebbe avuto il sapore della disfatta, dell’umiliazione e della vergogna. Vergogna della collaborazione, compartecipazione alla sconfitta, corresponsabilità collettiva all’orrore. Non ci sarebbe stato nulla da festeggiare, nessun valore da trasmettere, nessun esempio da mostrare. Invece ricordi e documenti riportano alla mente e agli occhi le immagini di quel 25 aprile del 1945: schiere di giovani, allegri e fieri, che rientravano nelle città convinti di essersi ripresi nelle mani la patria ed il futuro, di essersi riscattati dalla vergogna del regime, di essere co-autori, sul piano morale e simbolico, della liberazione. L’energia e la speranza caratterizzarono quel periodo; la voglia di ricostruire, l’orgoglio di potercela fare. Le stesse idee che servono oggi. Nessun revisionismo potrà mai cancellare queste immagini di ragazzi in festa che hanno riconsegnato a tutti  una Repubblica libera, lasciandoci in eredità l’orgoglio della nostra cittadinanza, l’orgoglio della nostra Costituzione, entrata in vigore settant’anni fa, nel gennaio del 1948, uno dei testi più alti sulla libertà e i diritti dell’individuo.Nel mondo, oggi, continuano a ripetersi episodi di violenza e a perpetrarsi ingiustizie. Uomini perseguitano, torturano, umiliano, uccidono altri uomini e questa è la dimostrazione che non abbiamo imparato nulla dagli orrori e dai lutti del passato. La libertà, la giustizia, la democrazia non sono qualcosa di scontato, né tanto meno di superato. Il modo migliore di festeggiare il 25 aprile è ricordare sempre che la nostra possibilità di scegliere, di dire quello che pensiamo, di scrivere quello che sentiamo ci sono state regalate dal sacrificio e dal coraggio di giovani come quelli e che a molti uomini non sono ancora concesse.

.

Marco Travaglini
Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE