Home » Cosa succede in città » Linea di confine. Spigolature di vita e storie torinesi
LA RUBRICA DELLA DOMENICA

Linea di confine. Spigolature di vita e storie torinesi

di ilTorinese pubblicato domenica 18 marzo 2018
di Pier Franco Quaglieni
.
Contro la ZTL prolungata – Gli ex terroristi in TV – Cavour chi? –  Ingroia e  gli hotel di lusso
***
Contro la ZTL prolungata
Lunedì 19 marzo alle ore 18 i cittadini democratici di Torino hanno il dovere di trovarsi sotto Palazzo Civico in via Milano 1 per protestare contro l’imposizione della ZTL fino alle ore 19,30. Ho illustrato i motivi in questo articolo che vi invito a leggere: http://www.iltorinese.it/democrazia-e-ztl-contestare-civilmente-lobbligo-di-velocipede-e-lecito/ . Voglio richiamare il dovere di protestare perché la consultazione su un tema che riguarda tutta la città, verrà trattato in una saletta di poche decine di posti, impedendo di fatto una consultazione democratica. Si tratta di una presa in giro contro cui tutti coloro che sentono il valore della democrazia, debbono sentirsi mobilitati. Altrimenti prevarrà la demagogia che non tiene conto dei legittimi interessi della città.
***
Gli ex terroristi in TV
La 7 ha realizzato, in occasione del quarantesimo del rapimento di Aldo Moro e dell’uccisione selvaggia degli uomini della sua scorta,una trasmissione in cui a fare da protagonisti sono stati gli ex terroristi attori di quella strage e della prigionia del politico democristiano. Essi hanno parlato con totale  freddezza,dimostrando non solo di non essersi in qualche modo  pentiti di quelle scelte sciagurate,ma dimostrando spavalderia. Tanto per salvare la faccia, nella trasmissione hanno fatto parlare qualche giornalista che non ha voluto o saputo opporre obiezioni serie nei confronti di dichiarazioni aberranti esaltanti le imprese delle BR. Esiste un’associazione Vittime del terrorismo che non è stata sentita. Solo il Capo della Polizia Franco Gabrielli ha protestato. Dalla palude politica solo silenzio,neppure un timido imbarazzo. Questi terroristi,condannati all’ergastolo, hanno avuto una ribalta privilegiata. E il conduttore non ha avuto neppure il buon senso di sottolineare che essi sono in libera circolazione,pur condannati all’ergastolo.
***
Cavour chi?
Si è tenuta, organizzata dal gen. Franco Cravarezza, una bella manifestazione a Torino per il 157° anniversario dell’Unità Nazionale proclamata il 17 marzo 1861,in piazza Carlina sotto il monumento al Conte di Cavour che di quella unità fu il maggiore realizzatore. Nel corso del suo intervento il Sindaco di Torino Chiara Appendino ha letto un discorso in cui ha ignorato totalmente Cavour. Ha citato una frase di Mazzini, ha nominato Gioberti e Cattaneo, ma su Cavour neppure una parola. Su Facebook si è aperto un vivace dibattito su questa dimenticanza davvero imperdonabile, in cui si è parlato di ignoranza da parte del Sindaco. Io non mi spingo a tanto, ma certo appare incredibile l’oblìo riservato al Gran Conte proprio sotto il suo monumento.
***
Ingroia e  gli hotel di lusso
L’ex giudice Antonio Ingroia che ha tentato due volte la carriera politica registrando due colossali insuccessi, noto soprattutto per la persecuzione giudiziaria contro Bruno Contrada, è stato accusato di peculato. Gli sono stati sequestrati dalla finanza  150mila euro. Stando ai giornali, Ingroia come amministratore unico della Società “Sicilia e  servizi” si sarebbe autoliquidato compensi e indennità ingenti che non gli spettavano: hotel di lusso, cene e premi. Bisogna guardarsi dai moralizzatori di mestiere. Lo hanno capito anche gli elettori.
***
Lettere      scrivere a quaglieni@gmail.com
.
Un mondo a parte
Martedì 20 marzo al Polo del ‘900 di Torino verrà presentato Un mondo a parte di Gustaw Herling. Finalmente si parlerà di uno scrittore  che visse la tragedia dei gulag .
                                                                  Umberto Ruti
.
Di Gustaw Herling,marito di Lidia Croce, fui amico e ne frequentai la  casa a Napoli. Con il libro Un mondo a parte egli fu il primo a denunciare i gulag sovietici. Un libro coraggioso che portò addirittura il quotidiano “Paese Sera” a chiedere che il polacco  Herling  venisse cacciato dall’Italia. Herling aveva combattuto per la liberazione dell’Italia a Monte Cassino. L’editore Laterza, che ebbe l’iniziale  notorietà perché venne scelto da Benedetto Croce per la pubblicazione  delle sue opere, pubblicò Un mondo a parte senza di fatto distribuirlo. Rimase un libro clandestino, malgrado la prefazione di Bertrand Russell. Laterza si sentì obbligato a stamparlo per dovere famigliare verso il genero di Croce. Adesso Mondadori pubblica il libro negli Oscar. Un riconoscimento importante ad uno dei maggiori scrittori novecenteschi. Neppure dopo il crollo del Muro di Berlino lo scrittore ebbe in Italia il riconoscimento che gli sarebbe toccato. Nella sua Polonia da anni viene studiato a scuola.
.
Senza prenotazione da oltre 50 anni
Ho visto che non scrive più di ristoranti torinesi come in passato. Cosa pensa del ristorante toscano “Da Mauro” in via Maria Vittoria ? Io ci vado da tanti anni e mi trovo benissimo.
                                           Lucio  Orfelli
.
Non ho più scritto perché  argomenti più seri mi hanno impedito di occuparmi di cose più leggere(e piacevoli) Ritornerò sul tema nelle prossime rubriche. Concordo sul ristorante toscano “Da Mauro” che vive da oltre cinquant’anni. Ha una caratteristica: non accettano prenotazioni. Mauro era un personaggio straordinario, il vero oste toscano, malgrado il suo tifo per la Juventus. Boniperti andava spesso a cenare in via Maria Vittoria do ve esiste un tavolo riservato alla Juve e dove continuano ad andare tanti sportivi. E’ un cibo genuino, producono un Montecarlo bianco e rosso di prim’ordine. Il menu è ricchissimo e il servizio molto veloce. I prezzi sono onesti. L’atmosfera cordiale, ma non chiassosa. Una sorta di “altera domus” per tanti torinesi. Un’istituzione che resiste nel tempo, mentre tanti ristoranti toscani sono stati comprati dai cinesi e sono letteralmente scomparsi.
Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE