Home » LIFESTYLE » La finestra sul cortile
MODA COSTUME E LIFESTYLE

La finestra sul cortile

di ilTorinese pubblicato giovedì 23 novembre 2017
La Finestra sul cortile è una rubrica sulla nostra città, sulla moda, sul costume e lifestyle.Torino è una città bellissima, elegante, magica, sorprendente, viva.  Discreta un po’ sofisticata, se ne sta lì, all’ombra della sua Mole, aspettando di essere vissuta in tutta la sua interezza!
(sc)
***
La guardarobiera
Chi di noi non ha una maglia in fondo all’armadio che non mette più perché troppo stretta o troppo larga o perché è rovinata, magari per un filo tirato di troppo oppure perché ha subito l’attacco delle tarme? La sola idea, però,di farla fuori dal ripiano del mobile ci fa venire il magone perché ci ricorda un momento speciale o addirittura un periodo della nostra vita e così ogni volta che apriamo l’anta dell’armadio la vediamo lì accuratamente piegata, ma consci che non possiamo indossarla perché magari ha un buco proprio all’altezza della manica! Oppure quei vestiti mai indossati perché acquistati in un momento di euforia che ci ha fatto optare per un colore troppo sgargiante o per un modello che esula del tutto dal nostro gusto personale. Quegli abiti troppo larghi o troppo lunghi che non hanno mai visto la luce del sole, ma solamente spostati dai piani alti ai piani bassi dell’armadio almeno due volte l’anno durante il cambio stagione, se poi l’acquisto del capo è stato particolarmente sbagliato lo nascondiamo direttamente sotto al cappotto ancora con il cartellino del prezzo attaccato! Ed ecco che entra in scena La Guardarobiera che con un rammendo in contrasto o con un ricamo particolare dà nuova vita ai nostri capi, permettendoci di indossare la nostra vecchia maglia rinnovata da qualche dettaglio in più, il nostro cappotto dalla foggia un po’ démodé reinventato da qualche riparazione in un punto strategico o il nostro abito nero un po’ bon ton o troppo anonimo arricchito con dettagli particolari di applicazioni a contrasto.  Paola & Paola alias La Guardarobiera sono delle consulenti dell’armadio che con gusto, originalità ed esperienza riescono a personalizzare il nostro guardaroba, perché spesso basta un dettaglio per valorizzare il look. Infatti si può definire la loro attività come una vera e propria “armadio terapia “.  Dove le possiamo trovare per vederle all’opera? Essenzialmente sui social, ma non di rado La Guardarobiera presenzia ad eventi o giornate nelle boutique della città, io per esempio, le ho conosciute ad un evento alla Galleria Marco Polo, altrimenti lavorano su appuntamento. Si dice che un abito sia vintage dopo vent’anni di permanenza nel nostro armadio, ecco… per chi come me non butta mai via nulla, la soluzione è quella di indossare i vecchi capi rimodernati con originalità e buon gusto, senza sembrare direttamente catapultati negli anni ottanta o avere quell’aria tristemente ed anonimamente retró.
***
Talent House
In questa rubrica di moda vorrei dare risalto a Talent House.  Stefania Manfré blogger di ChicChissima.it e Rossella de Palo blogger di Bsfashion. net hanno dato vita a questo evento di nuovi talenti torinesi. Talent House è un piccolo progetto che ha l’ambizione di trasformarsi in un format dedicato ai nuovi talenti emergenti nell’ambito della moda a Torino e non solo. Avrà luogo il 24 e ‪25 novembre‬ alla Casa del Pingone (via della Basilica angolo via Porta Palatina) che risponde perfettamente all’idea di una casa atelier, un luogo  in cui poter incontrare stilisti e creativi per parlare di stile e di moda e perché no, acquistare pezzi unici della collezione. L’idea è quella di unire brands differenti uniti da un senso di concretezza e di serietà, un progetto tutto al femminile con il fine preciso di guardare alla moda da un punto di vista etico e non solo estetico. Pensare al riciclo, al riuso ed al km zero.  Quali sono i brand che parteciperanno a talent House: Beltepà, che presenta un progetto nato sull’incontro sulla Via della Seta dei preziosi tessuti uzbeki ed il design italiano per dar vita ad un mix di cultura e di innovazione fondendo le stoffe uzbeke con il nostro gusto. Ombradifoglia di Elena Pignata: Elena Pignata è l’interprete di un nuovo concetto di vestibilità e costruzione della figura, la moda e ricerca, virtù e sentimento che si esprimono in emozioni. La sua creatività si manifesta con la nascita del marchio Ombradifoglia. Feelosophically di Pamella Barroso: brasiliana di origine Pamella esprime una moda introspettiva che va oltre le apparenze, questa la caratteristica principale della stilista. Atelier Jmonteiro: Jenny Montero realizza abiti da donna su misura. La stilista ha iniziato confezionando abiti da sposa. Un cammino professionale caratterizzata dalla passione per la realizzazione di abiti femminili. Shamur: di Maurizia Cabbia, architetto e stilista, passione per la moda e studio dei tessuti ne diventano caratteristica. Specializzata nel Knitwear, la sua linea viene distribuita in negozi selezionati e di nicchia. I Sogni di Lulú: Enrica Fontolan de I Sogni di Lulù è una designer di gioielli ed accessori. La continua ricerca di materiali e la sperimentazione cromatica, l’equilibrio di forme e l’armonia caratterizzano le sue creazioni. Pezzi unici realizzati a mano e a tiratura rispecchiano la passione per la moda creatività e design. E poi la Galleria Marco Polo, galleria torinese che tratta oggetti e arredi di antiquariato arte e design e selezionati abiti vintage. A Talent House la galleria è presente con The Kings of Italian Fashion, selezione di abiti accessori vintage dedicata a Valentino, Gianfranco Ferrè e Gianni Versace. Daniela Vecchi: La sua capacità di mescolare rari tessuti, garze di cotone e preziose sete indiane a tessuto tecno; bordure di broccato fanno da raccordo a trame impalpabile di cachemire. Feltri e seta. Tartan e velluti, volumi ampi che evocano antiche guerriere o eleganti geishe sono le donne rappresentate da questa stilista. Lis Furlanis: Brand udinese presente con una piccola collezione caratterizzata dalle tipiche calzature friulane prodotte con materiali di riciclo. Il progetto è stato possibile grazie anche agli sponsor Etav e Fontanafredda. L’ingresso a Talent House è libero; gli orari di apertura sono ‪24 novembre dalle 14:00 alle 18:00‬ e ‪25 novembre dalle 11:00 alle 18:00‬. Per tutte le informazioni consultare la pagina Facebook dell’evento.
Sabina Carboni