Home » POLITICA » Cherio, dialogo con un liberale democratico
Missione : unificare le forze politiche e sociali di un centrodestra oggi chiaramente in difficoltà

Cherio, dialogo con un liberale democratico

di ilTorinese pubblicato domenica 11 dicembre 2016

tosettoSTORIE DI CITTA’ / di Patrizio Tosetto

Ho chiesto a Sandro come si definiva politicamente. Senza esitare ha risposto: liberale democratico  Poi sollecitato ha completato : liberale per uno Stato che regola ma non opprime , popolare visto che , in democrazia, un  voto vale quanto l’altro . 

“Ti confesso un certo fastidio per una certa sinistra che vede solo se stessa portatrice di un’idea politica, relegando chi come me fa politica nel centro desta il ruolo di portatore di propri interessi . 

A 18 anni giovane democristiano e segretario del circolo di San Mauro. Sandro Cherio ha accettato la proposta di Parisi di essere coordinatore locale del nuovo movimento .  Missione : unificare le forze politiche e sociali di un centrodestra oggi chiaramente in difficoltà . Consigliere Comunale per Forzacherio Italia quando il Berlusca era ” sceso in campo “.

Si vanta di essere sempre stato nelle retrovie . “Portatore di acqua ” del fratello Nino sindaco a San Mauro e parlamentare di Forza Italia . Fieramente sostiene : lui è il primogenito

Perché sei Presidente del Collegio costruttori ?

“Qui la politica non c’entra . Con cari amici e mio fratello sono imprenditore edile e sono al terzo mandato con delega, visto il limite di due . Qui ho cercato di rappresentare i piccoli e medi :  la Crisi per il nostro settore è stata devastante .

Vero che Berlusconi ti ha proposto di fare il candidato sindaco A Torino?

“Precisamente Pichetto, ma ho rifiutato perché non c’erano le condizioni di un unità politica”. 

La maggiore delusione ?

“Finita l’esperienza di consigliere comunale ho scritto una lettera al Sindaco e ai rappresentanti della maggioranza ringraziandoli per l’ esperienza umana e politica che mi aveva arricchito. Non  ho ricevuto risposta”.

Maggiore soddisfazione ?

“Quando mio Fratello è  diventato sindaco di San Mauro.I miei genitori immigrati dalla campagna hanno lavorato sodo per insegnarci l ‘impegno per raggiungere ed ottenere . Nulla è  regalato e deve essere condotto  correttamente . Mio fratello coronava tutto”.

Come mai questo rientro nella politica attiva?

“Passione e voglia di fare”.

Grazie del tuo tempo Sandro Cherio. Per me sei anche un amico.