Home » LIFESTYLE » A tutta birra! Da giovedì la II edizione di Oktoberfest Torino
L’unica ufficiale fuori dal territorio tedesco

A tutta birra! Da giovedì la II edizione di Oktoberfest Torino

di ilTorinese pubblicato mercoledì 12 ottobre 2016

Èbirra la Bierfest più grande d’Italia: occupati gli oltre 20.000 metri quadri dell’Oval Lingotto. Da quest’anno presente anche il caffè, grazie alla collaborazione con la Fondazione Piemontese Ricerca sul Cancro.

 

Dal 13 al 23 ottobre torna all’Oval Lingotto di Torino la versione italiana del più famoso festival popolare del mondo dedicato alla birra. L’appuntamento è con la seconda edizione di OktoberfestTorino, una grande festa che farà vivere al capoluogo piemontese l’atmosfera e la tradizione dell’evento che ogni anno, tra settembre e ottobre, richiama a Monaco di Baviera oltre 7 milioni di visitatori, moltissimi dei quali dall’estero.

oktober-birre

L’Oval, ex struttura olimpica di 20.000 metri quadri, ospita la seconda edizione dell’evento che nel 2015 ha registrato la presenza di oltre 170.000 presenze e il consumo di2.600 fusti di birra da 30 litri ciascuno, per un totale di 78.000 litri. Numeri da record, che fanno di Oktoberfest Torino la bierfest più grande d’Italia.

L’inaugurazione di giovedì 13 ottobre

“O’zapft is!” Con questa frase, un po’ misteriosa anche per chi sa bene il tedesco, il sindaco di Monaco apre ogni anno la grande festa della birra di Monaco. Che festa è? E cosa significa “O’zapft is”? La frase è in dialetto bavarese, con cui dal 1950 il Primo Cittadino di Monaco dà il via ufficiale alla festa, aprendo, anzi rompendo la prima botte nella tenda della Schottenhamel. Questa frase, a Monaco, è una sorta di parola magica che significa: “che inizi la festa”, “che comincino le danze!”.

A questo punto dai gradini della statua della Baviera vengono sparati dodici colpi di mortaretto che segnalano agli osti che è possibile cominciare a servire la birra. Nel 1950 il sindaco Thomas Wimmer riuscì ad aprire il fusto di birra inaugurale solo dopo 19 colpi di martello (tuttora record negativo), mentre il record appartiene al sindaco Christian Ude, il più veloce con due colpi di martello.

Anche l’Oktoberfest di Torino rispetterà questa tradizione bavarese, e all’Oval la festa avrà inizio con il rito di apertura del primo fusto: appuntamento alle ore 18.30 di giovedì 13 ottobre. A partecipare all’inaugurazione, oltre agli organizzatori, ci saranno un responsabile dell’azienda HB (birra ufficiale dell’evento), il Console onorario di Germania Dott. Marsano e l’Assessore al Commercio della Città di Torino Alberto Sacco.

 oktober-birra-16

La prima giornata sarà scandita inoltre dalla musica live dei Bad Endorf, celebre gruppo bavarese, che giungerà direttamente dall’Oktoberfest di Monaco e che intratterrà il pubblico dalle 19 alle 23.30. A seguire, il dj Set Rock e revival con Dj Koki.

A Oktoberfest Torino anche il caffè, in collaborazione con la Fondazione Piemontese ricerca sul cancro

Durante l’evento, ed è una novità di quest’anno, sarà possibile gustare anche un buon caffè. La Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro, charity partner dell’evento, sarà presente all’Oval con un suo spazio attraverso il progetto “Tieni sveglia la Ricerca“, grazie alla collaborazione con Lavazza e Valmora. Si tratta di una modalità semplice per sostenere con un piccolo contributo la ricerca sul cancro dell’Istituto di Candiolo – IRCCS, dove quotidianamente oltre 500 persone tra medici, ricercatori e staff sono impegnati contro la malattia.

Tutti i giorni il pubblico potrà quindi recarsi alla postazione, situata lungo le vetrate vicino alle uscite, e sorseggiare un caffè Lavazza offerto dai volontari della Fondazione, in cambio di una donazione libera. Un progetto che raggiunge un concreto obiettivo: il sostegno alla ricerca sul cancro. La Fondazione Piemontese per la Ricerca sul Cancro al fine di coprire tutte le fasce orarie dell’evento valuta eventuali disponibilità di volontari. Per candidarsi come volontario è possibile contattare la Fondazione al seguente indirizzo email: info@fprconlus.it | 011 9933375