Home » LIFESTYLE » La tradizione del Magnin battilastra
TRADIZIONI E TERRITORIO

La tradizione del Magnin battilastra

di ilTorinese pubblicato martedì 5 luglio 2016

alpetteAlpette è al centro di una doppia manifestazione sabato 9 e domenica 10. Il 9 luglio, alle ore 20 c’è “Pizza Street” in via Pian dei Ronchi, nei pressi della Bocciofila. L’iniziativa è a cura della pro loco di Alpette e Feletto. Seguirà musica con la band della cantante Niky Parisi. Domenica 10, invece, a partire dalle 9 iniziano i festeggiamenti annuali dei “Magnin – battilastra”. Erano abilissimi artigiani, e proprio da questi territori vennero i primi battilastra che ebbero un ruolo nella nascente industria automobilistica torinese alla fine dell’Ottocento. I “Magnin” erano calderai itineranti che attraversavano monti e pianure per riparare e vendere oggetti di rame. Si inizia alle 9 nell’Ecomuseo comunale che è dedicato a questi lavoratori e a cornice si svolge la cronoscalata automobilistica di auto d’epoca Cuorgnè – Alpette a cura del Piemonte Club Veteran Car di Torino. I mezzi resteranno in visione di appassionati e curiosi dalle 11.30 alle 16 nel capoluogo di Alpette per sfilare nelle vie cittadine al momento della premiazione finale. Inoltre per tutto il giorno sarà visitabile l’Ecomuseo del Rame, Lavoro e Resistenza a cura di Anpi Alpette. Piazza Forno, poi, verrà inaugurata ed insignita come Piazza Mercatale “Città del Bio” dal presidente dell’associazione omonima Antonio Ferrentino. Infine il comune montano dello Spazio Gran Paradiso sarà allietato, ed animato, dalla Fanfara dei Bersaglieri “La Marmora” di Torino. Le note dei soldati con la piuma sul cappello torneranno a risuonare dunque dal 1982, quando il “Torneo delle Borgate” venneanimato dall’Associazione Bersaglieri di Settimo Torinese.

Massimo Iaretti