Home » Brevi di cronaca » ​​INFERMIERE DELLA DIALISI DEL MARTINI PREMIATO A CONCORSO NAZIONALE LETTERARIO
Il premio è stato consegnato a Firenze

​​INFERMIERE DELLA DIALISI DEL MARTINI PREMIATO A CONCORSO NAZIONALE LETTERARIO

di ilTorinese pubblicato giovedì 27 settembre 2018

“Ciò che resta” è il titolo del racconto breve con il quale Gianluca Alfonsi, infermiere di Dialisi presso la Nefrologia e Dialisi 3 dell’Ospedale Martini, ha vinto un premio nella sezione Narrativa del Concorso Nazionale “Quirino Maggiore” di Narrativa, Poesia e Fotografia in Nefrologia, Dialisi e Trapianto. Il premio è stato consegnato a Firenze domenica 23 settembre, nel corso di una suggestiva cerimonia che si è tenuta nei saloni di Palazzo Vecchio. Il concorso è dedicato alla memoria di un illustre nefrologo italiano ed è un esempio dell’interesse e dell’importanza della cosiddetta Medicina Narrativa applicata alla Nefrologia. Il concorso ha raccolto la partecipazione di molti pazienti, famigliari e operatori che con varie modalità espressive – prosa, fotografia e poesia – hanno raccontato di sé e in questo modo hanno rivissuto e trasmesso questa esperienza magica e dolorosa allo stesso tempo. “Ciò che resta” racconta le emozioni e le ansie di Luca, un infermiere alle sue prime esperienze in sala dialisi; Nicola, un collega esperto, gli insegna la tecnica ma lo ammonisce: “la gestione della macchina è solo una parte del nostro lavoro: ciò che resta è molto più impegnativo e non lo trovi in nessun manuale”. Congratulazioni a Gianluca che ha saputo riportare in questo racconto la parte più impegnativa del rapporto con i pazienti: curare l’anima. Tutte le dieci opere premiate al Concorso Nazionale “Quirino Maggiore” sono pubblicate in un libro edito da Tassinari, Firenze 2018. Intanto le esperienze di Medicina Narrativa continuano presso la S.C. Nefrologia e Dialisi 3, diretta dal Dr. Roberto Boero: attraverso le loro “Lettere al Direttore” i partecipanti al 1° Corso di Fitwalking per pazienti nefropatici hanno narrato una parte preziosa e nascosta della loro esperienza di camminatori sportivi in gruppo, fornendo agli Operatori Sanitari un utile strumento di conoscenza e valutazione dell’adattamento dei pazienti alla patologia e dei benefici correlati alla pratica di attività sportiva.​

Leggi qui le altre news: ULTIME NOTIZIE